Portale Aziende Marche. Produzione, hotel,ristorante.

Ti trovi in:   Inizio > News – Fano, ABEL ZELTMAN Tango de vida

Aziende delle Marche

Ultima azienda recensita in provincia di Ancona
 AT METALLI SRL  60131  ANCONA

Ultima azienda recensita in provincia di Ascoli Piceno
Fondazione Italiana Gestalt  63074  San Benedetto del Tronto

Ultima azienda recensita in provincia di Fermo
 Elisabet srl  63813  Monte Urano

Ultima azienda recensita in provincia di Macerata
 Bikers sas di Frontoni  62010  Pollenza

Ultima azienda recensita in provincia di Pesaro-Urbino
 Brancorsini  61122  Pesaro

 

News

 

Fano, ABEL ZELTMAN Tango de vida

06.12.2015

tango de vidaFANO, VENERDÌ 4 DICEMBRE 2015 - VENERDÌ 26 FEBBRAIO 2016
ABEL ZELTMAN Tango de vida
​Inaugurazione: giovedì 3 dicembre 2015 ore 17.30

Spazio Teca, Piazza XX Settembre​

Preview per la stampa: giovedì 3 dicembre 2015 ore 11.30

Spazio XX Settembre - Fondamenta di Palazzo Bambini

L'arte contemporanea torna ad emozionare Fano (PU) in un'esposizione personale dedicata all'artista vivente Abel Zeltman, pittore argentino approdato e trasferitosi a Pesaro.

L'essere umano ed il rapporto con i suoi simili, l'incomunicabilità quotidiana, la conflittualità.

Zeltman, classe 1968, diventa indagatore dell'animo, ma ancor di più reporter di una realtà "reale", non caricaturale della vita e dei suoi molteplici scenari, come l'espressionismo più puro intende.

Pittore, incisore, fotografo, sì, fotografo dei nostri tempi, così proprio come lui li vede, senza filtro alcuno, senza buonismi, senza esagerazioni. Tutto ciò in una mostra che illustra l'evoluzione artistica in tutti i suoi cicli, destinati ad ulteriori maturi sviluppi di quella che potremmo definire la fase ancora inesplorata.

"Inquinato dall'Argentina nel ritrarre l'Italia, inquinato dall'Italia nel raccontare l'Argentina", Zeltman non fa una vera e propria distinzione tra il suo periodo trascorso in patria e la sua vita attuale; tutto è ambientato in un'epoca parallela, dove i soggetti riposano anni e poi ritornano ossessivamente come se il tempo si fosse fermato, per continuare il loro corso, forse infinito. La voracità con cui si proietta sulla tela, una vera e propria necessità, per raccontare i tangheri, gli equilibristi, gli aeroplani, è profondamente ispirata dal concetto di movimento, in continuo "equilibrio-squilibrio", come anche la scelta delle dimensioni delle opere stesse dimostrano.

L'artista da sempre utilizza materiali diversi per la realizzazione dei suoi lavori, spesso voluminosi: dalla carta, al legno, dalla tela cruda, al collage, in particolare strappi della gazzetta dello sport che impiega con fare maniacale, al carboncino, ugualmente inseparabile compagno nel suo viaggio nella vita di tutti i giorni. Tecniche miste che permettono di creare pretesti minuziosi, particolari che possono sfuggirci nella completezza delle sue tele, ma che hanno una grande valenza simbolica e spesso giocosa.

Sono diverse le ragioni per cui un artista si può avvicinare e confrontare direttamente o concettualmente con la quotidianità: per esplorare il legame tra l'uomo e la società, per recuperare o stimolare dinamiche comunitarie e relazionali, ma tutto questo interesse muove da una comune attenzione alla vita. Abel Zeltman lo fa con grande coraggio, ma altrettanta semplicità e naturalezza, anche a costo di sembrare cruento, raccontando i bordelli, il calcio, il circo, i paesaggi urbani, le rimembranze e le ossessioni della gioventù e tutto ciò che vive e sente, perché "la quotidianità è non meno brutale di una guerra" (Zeltman).

Oltre a Pesaro, dove attualmente vive, Zeltman ha esposto nelle principali città italiane, quali Roma, Milano, Torino, Trento ed altre ancora.

Nel corso degli anni, le sue realizzazioni hanno ricevuto prestigiosi riconoscimenti e sono state pubblicate dalle principali testate italiane: il Resto del Carlino, Il Messaggero, la Repubblica e in periodici argentini come larin, La Nacion e pagina 12. Sono state riproposte, come oggetto di design, per la copertina di dischi in "Orchestra Reunion Cumbre", dedicato ad Astor Piazzolla, nei libri "Sapessi Sebastiano" di Milton Fernandez, scenografie televisive e cinematografiche, come per il programma "Mixer" di Giovanni Minoli ed il film "Che ne sarà di noi" di Giovanni Veronesi. Infine, inserite nel 2006 nell'atlante degli artisti "Le Marche e il XX secolo", a cura di Armando Ginesi.

L'evento espositivo sarà accompagnata da un catalogo edito da Fondazione Gruppo Credito Valtellinese con un saggio critico della professoressa Tiziana Fuligna dell'Università di Urbino.

Per scuole e gruppi è possibile prenotare visite guidate anche fuori dagli orari di apertura, previo appuntamento.

Orari e ingressi
Spazio XX Settembre – Fondamenta di Palazzo Bambini
da lunedì a venerdì h. 16.00 – 19.30
chiuso sabato e domenica; 8-25-26 dicembre 2015 e 1- 6 gennaio 2016

INGRESSO LIBERO

Informazioni al pubblico e visite guidate su prenotazione
Paola Gennari
tel. + 39 333.95.12.294​

Mostra prodotta e organizzata dalla Fondazione Gruppo Credito Valtellinese

 

 

 


Aziende delle Marche

EVENTI NELLE MARCHE

EVENTI NELLE MARCHE

Inizio pagina | Portalemarche.eu è un sito di informazione culturale, economico, sociale nella Regione Marche. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportate sono fornite da enti, associazioni e privati e\o tratte dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |