Oggi è il: 21/04/2021 - Sono le ore: 02:19:37 

  IN EVIDENZA

MENU PORTALE Menu ricerche

 

 

Le altre news - sezioni Eventi e Gastronomia

Pasquale De Antonis ai Musei Civici di Palazzo Mosca di Pesaro

 

Aperitif sur l'herbe a Urbino

 

Con il tempo: opere dagli Sessanta al Duemila presso la Sala del Capitano di Candelara

 

Enrico Rava apre la XIX edizione del Premio Internazionale Massimo Urbani

 

A Castelraimondo ventitreesima edizione dell'Infiorata Corpus Domini

 

CandelarArte caffe' 2015

 

A Pesaro Buongiorno Ceramica

 

A Treia si adottano i combattenti della Grande Guerra

 

Moni Ovadia, Michele Placido ed Erri de Luca e Nicky Nicolai a Recanati

 

A Jesi Bellezza - Mostra fotografica di Roberto Recanatesi

 

Luca Cognolato alle foglie d'oro di Pesaro per Adotta l'autore

 

Le nostre mani: il dialogo con la materia di Giancarlo Cesarini al castello di Candelara

 

Gherardo Cibo, dilettante di botanica e pittore di paesi ed altri appuntamenti a Pesaro

 

Percorso tra le pagine dei libri con Luigi Dal Cin

 

giornata internazionale Unesco del jazz a San Benedetto del Tronto

 

La linea gotica - 1944 - 2014 i ricordi di un bimbo di 12 anni di Terenzio Pedini

 

Letture a Palazzo Mosca, secondo appuntamento

 

Chiara Samugheo in mostra a Recanati

 

Paolo Gubinelli alla Palazzina Azzurra con Carte incise per Eugenio De Signoribus

 

Europe Direct Marche

 

 

I NUMERI DI PORTALEMARCHE

IL PORTALE DELLE AZIENDE DELLE MARCHE

Aziende

Professionisti

Ristorazione

Hotel Vini&Cantine

  Nuova pagina 1

2684

  OGGI SONO PRESENTI IN ARCHIVIO

2239

  Nuova pagina 1

1376

  Nuova pagina 1

781

cantine

89

Carina Spurio intervista MIlena Esposito

 La venere Impulsiva di Milena Esposito“Nel ‘300 il Boccaccio nel “De Genealogiis deorum gentilium”se la prendeva con coloro che denigravano i miti perché inutili e falsi ed era convinto che le finzioni non celano ma esprimono la verità umana: per il certaldese la mitologia non era una serie inerte di leggende convenzionali, ma un patrimonio di schemi e di esempi dietro ai quali si poteva scoprire la verità della poesia, cioè il suo senso umano.” La sua Silloge poetica, dal titolo “La Venere Impulsiva” reca il nome di una delle maggiori divinità associata all’amore, alla bellezza, alla fertilità. Cronologicamente nelle sue liriche si trovano Hypnos, il dio del sonno figlio della notte e fratello di Tanato. Latona, dea del progresso tecnologico. Atena, la dea della sapienza. Eco, la ninfa consumata dall’amore. Vesta, la dea custode del fuoco. Lucifer, la stella del mattino. Zeus, il re degli dei, sovrano dell’Olimpo. La mitologia come chiave di accesso alla sua poesia! Una scelta casuale o necessità?

Un mito è una narrazione sacra relativa alle origini del mondo. La parola mito deriva da mythos e significa parola, discorso, racconto. La parola è un amuleto, un potente talismano. La parola scritta è più potente, molto più forte. È incisa. Indelebile, immortale, e come tale, sacra. La parola non può essere scissa da Dio. E Dio si manifesta attraverso il Verbo.
La lirica è parola accompagnata dalla lira, dalla musica e musica deriva dall’Arte delle Muse. La poesia è Verbo: è parola divina. Scegliere il mito per avvicinarsi all’arte rappresenta un passaggio necessario come la conoscenza di una lingua per decodificare un testo. Non conosco strumento più utile, duttile, necessario.

Al tempo stesso il mito è la riduzione narrativa di momenti legati alla dimensione del rito, insieme al quale costituisce un momento fondamentale dell’esperienza religiosa volta a soddisfare il bisogno di fornire una spiegazione a fenomeni naturali o a interrogativi sull’esistenza e sul cosmo.
La poesia è necessaria all’uomo e alla donna, al loro spirito. Lo è come lo è sempre stato il mito. Come lo è l’arte tutta o la bellezza. Immergendosi nella bellezza, lasciandosi conquistare, ci si avvicina alla Parola di Dio.
Non è necessario fornirsi spiegazioni in un disegno divino, basta affidarsi totalmente al nostro Potere Superiore.

Come è iniziata la sua avventura nel mondo della poesia?
Leggendola, amandola. Più che è un avventura, credo sia un iter. Inizia prima di me, prima di questo segmento di vita, e andrà oltre di me. È una ricerca necessaria. È un’indagine nel mondo popolato dalle parole e dalla loro musicalità. C’è un cuore che pulsa, un corpo che pulsa, una vita palpitante ininterrotta attraverso vari cicli. In questo cerchio, io indago, leggo, traduco, percepisco, scrivo… cerco, infine, la bellezza. La canto. È sacra.

Scrive di giorno o di notte, su carta o al computer?
Sempre, ovunque, comunque. Mi procaccio diversi piaceri, in momenti diversi e in situazioni diverse. A volte fisso su carta un istante, come se avessi una polaroid… a volte “rivivo” ed evoco, do vita, soffio con le parole un’anima. Ma, naturalmente, è solo un gioco divertente. Da prestigiatore… da funambola.

Una delle sue poesie a cui è affezionata maggiormente e perché?
Non mi affeziono alle mie poesie, poesie poi?! Lascio agli altri, se non proprio ai posteri, questo giudizio. Scrivere è un piacere, una gioia, un divertimento, una condivisione muta, una comunicazione interiore. Insomma, non mi affeziono a ciò che scrivo, preferisco condividerlo, teatralizzarlo, pubblicarlo, divulgarlo, discuterne. Se proprio dovessi scegliere, direi che è una poesia che scrissi alle scuole medie. S’intitolava: Lasciatemi. La scrissi sul diario di scuola e a matita, sotto, disegnai una pineta.

Quali sono i poeti che ha amato di più?
Sono incantata dalla poesia di Edgar Lee Masters. La lettura mi affascina molto anche quella orientale. Direi che poeti amati ne ho davvero troppi: dovrei fare un lungo elenco. Ne amo numerosi. La poesia classica di tante donne mi affascina fortemente. Sono molto attratta dal tema della morte che è comune a tantissimi poeti. Personalmente non lo trovo, in poesia, un argomento lugubre, tutt’altro, forse proprio nelle liriche trova la sua più sacra espressione. La sua somma celebrazione di rinascita. D’immortalità della parola e dell’anima.

Qual è il suo libro preferito?
Uno? Beh, è complicato rispondere: Oggetto d’Amore di Pasquale Panella? Ma direi pure I Racconti di Katherine Mansfield. Poi è davvero una domanda difficile, questa: sono troppi i libri a cui sono legata: Il Piccolo Principe, L’Amico Ritrovato… ci sono i libri che mi hanno fatto ridere, quelli che mi hanno commosso, quelli che mi hanno fatto venire voglia di scrivere, quelli che mi hanno insegnato a capire. I libri di saggistica, di narrativa, di poesia e poi ci sono i classici con i quali sono cresciuta, mi sono formata. Mi piace leggere Buzzati, Chiara, Petrolini, Benni. Mi piace Fosco Maraini col suo Lonfo e mi piace la letteratura inglese dello scorso secolo. Mi piace l’umorismo di Pennac. Mi piacciono i vecchi libri russi. Come si fa a sceglierne uno? Uno solo? No, è impossibile!

Lei è narratrice, poetessa, attiva nelle discipline dello spettacolo e della scrittura, è formatrice teatrale, trainer di corsi di scrittura ludo/creativa, dunque, testimone dei tempi attuali, pensa ci sia ancora spazio per la lettura?
E come no?! Mica cambia qualcosa? Si crede che i tempi cambino, personalmente non penso che sia così. Il mondo ruota sempre, non è mai uguale, non è mai diverso, semplicemente è. Se i fiori ancora sbocciano ci sarà sempre qualcuno che ne vorrà scrivere e altri ai quali piacerà leggere. I piaceri sono uno dei lati umani che prediligo. Finché c’è piacere ci sarà vita e la letteratura è, ovviamente, una delle parti migliori, tra le più eccelse, della vita.

E’ infinitamente poetica la metafora in cui la Vita nasca dal più lontano antipode, dal termine ad essa opposto Thànatos. Cosa è riuscita a esprimere della sua vita attraverso la scrittura-catarsi che magari non avrebbe mai esteriorizzato?
Tutto quello che ho scritto sottintende sempre il ciclo della vita, di cui sorella morte è passaggio rigenerante. Ecco, in estrema sintesi, il messaggio del quale sono araldo. Esternare il concetto di morte come fiorita e ciclica rinascita è la ricerca che muove le mie dita su tastiere o brandendo penne e matite colorate che spesso uso per prendere appunti della mia mente creativa d’immagini da catturare.

Nata a Napoli e vissuta ad Agropoli (Salerno)…
La Magna Grecia e, dunque, il mito. Io ho vissuto specchiandomi. Il mio specchio è il Mar Mediterraneo. Da Napoli avevo Capri di fronte e da Agropoli ho Capri di fronte. Da bambina mi facevano sognare quei riflessi di sole al tramonto sulle finestre dell’isola e oggi è ancora così. Resto allo specchio, dal mezzogiorno o dalla mezzanotte, da nord o da sud, non cambia la prospettiva, anche se tutto è inverso è nell’inverso che mi muovo a mio agio. In queste contraddizioni, nei canti delle sirene (la mitica Partenope e quella che è nata dalla mia penna, Erkula, di cui spesso racconto ai bambini) vivo l’essenza della vita e quella superiore dell’arte. Nei contrasti dalle tinte forti.

La Venere Impulsiva è dedicata “a mamma”, una parola codice dell’anima….
Mia madre è una Musa. Una Dea. Mia madre è fulgida come un astro. È tenera e ritrosa come una mimosa pudica. È divertente, intelligente, sagace. È irosa come Hera. Come lei è gelosa. Mia madre è bella. Mia madre è essenza e nascita di me. È conchiglia. Mia madre pensa e teme di dover morire e di lasciarmi sola, lei non vuol capire che non è così: l’amore di mamma è per sempre. È legame al ciclo della vita.

Milena Esposito è narratrice, attiva nelle discipline dello spettacolo e della scrittura, spesso ispirata dal patrimonio popolare storico e mitologico. E’ formatrice teatrale. E’ trainer di corsi di scrittura ludo/creativa. Ha collaborato con vati giornali della provincia di Salerno. Fondatrice dell’associazione culturale “Arte e Parte”, è ideatrice e promotrice di numerosi eventi culturali nel Cilento. Ha pubblicato romanzi “Come miele d’autunno (2007) e Luisa Sanfelice ovvero l’involontaria, Com’è bello saper cantare, Poncho Purpureo, Bocca di Rosa. Opere non rappresentate: La via del desiderio (per teatro) e La boccetta dell’amore ( per il cinema). Per la poesia, ha scritto raccolte Lucifer (edita, 2009) e Senza clamori - Canti per te (inedita).

Inserito il 8/12/2010 nella categoria Cultura

 

Tag : Carina Spurio  Milena Esposito  venere


Notizia letta 448467 volte

Leggi le altre news della categoria Cultura

 

Invia la info ad un amico

 


Tutte le news Home Page  

 

B&B Oasi Verde Teramo 328/7571555

CERCA PER PROVINCIA

Menu ricerche

 

 

 

 


LE PAROLE PIU' CERCATE OGGI SU GOOGLE :

 Scarpe, calzature, tacchificio

Calzature da UOMO , da DONNA , da BAMBINI

Concessionari auto Ancona ,

automobili usate Marche

 

 

 
 

  Nuova pagina 1

ULTIME AZIENDE INSERITE SETTORE PRODUZIONE

Brancorsini

Labirinto Cooperativa Sociale

Lucarini e Partners

Elisabet srl

AT METALLI SRL

A TLC SRL

Bikers sas di Frontoni

EVENTIQUE Silvia Carducci

B.L. COSTRUZIONI Srl

ATHENA NIKE

  Nuova pagina 1

  Nuova pagina 1

  Nuova pagina 1

La Cantina del Mese

La cantina selezionata nel mese corrente e' Fattoria "Villa Ligi" di F.Tonelli .

Nella provincia di Pesaro Urbino e precisamente a Pergola in Via Zoccolanti 25/A, questa azienda conta importanti riconoscimenti a livello nazionale. La filosofia dell'azienda e'  "Crediamo profondamente nelle virtù di un vino, capace di raccontare con estrema sincerità le caratteristiche di un territorio. Vino è sinonimo di arte; arte come mezzo di comunicazione di tipicità e tradizione capace di far sognare e suscitare ricordi.

Questi valori ci accompagnano da tanto tempo, di generazione in generazione, in questo antico mestiere che per caratteristiche intrinseche non abbandoneremo mai. La nostra attività vitivinicola, oramai quasi centenaria, è contraddistinta da un attaccamento inscindibile alla tradizione ed in tempi ultimi all’innovazione, necessaria per ottenere il massimo, ricercando il perfetto equilibrio tra gusto e colore, tra bouquet e retrogusto.

La nostra realtà agricola percorre costantemente e ciclicamente ogni anno gli stessi eventi che puntualmente ci coinvolgono sensibilizzandoci ogni giorno di più verso il prodotto finale, il nostro vino, attraverso la passione per il territorio, la natura, le persone che ci accompagnano. E’ un processo che non richiede tempi lunghi né brevi, ma tempi naturali, quelli necessari per ottenere un lavoro ben fatto.

E’ con tale dedizione e passione che ci rivolgiamo a quanti condividono il nostro pensiero, il nostro vino, per condividere attimi unici ricavati da piccoli gesti come quello di sorseggiarlo in un calice."

- ..... LEGGI TUTTO

 

 

  menu generale | etc | ect

NavBar

Tutti i loghi e marchi della categoria sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori

HOMEAZIENDE  a Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoHOTEL  a  Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoRISTORANTI  a  Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoAGRITURISMI a Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro Urbino | PROFESSIONISTI  |  VINI e CANTINE | AGRITURISMI | CONCESSIONARIE AUTO A ANCONA | CONCESSIONARIE AUTO A ASCOLI PICENO | CONCESSIONARIE AUTO A FERMO | CONCESSIONARIE AUTO A MACERATA | CONCESSIONARIE AUTO A PESARO URBINOEVENTI | SCRIVI A PORTALE MARCHE