Oggi è il: 24/01/2021 - Sono le ore: 03:33:46 

  IN EVIDENZA

MENU PORTALE Menu ricerche

 

 

Le altre news - sezioni Eventi e Gastronomia

Pasquale De Antonis ai Musei Civici di Palazzo Mosca di Pesaro

 

Aperitif sur l'herbe a Urbino

 

Con il tempo: opere dagli Sessanta al Duemila presso la Sala del Capitano di Candelara

 

Enrico Rava apre la XIX edizione del Premio Internazionale Massimo Urbani

 

A Castelraimondo ventitreesima edizione dell'Infiorata Corpus Domini

 

CandelarArte caffe' 2015

 

A Pesaro Buongiorno Ceramica

 

A Treia si adottano i combattenti della Grande Guerra

 

Moni Ovadia, Michele Placido ed Erri de Luca e Nicky Nicolai a Recanati

 

A Jesi Bellezza - Mostra fotografica di Roberto Recanatesi

 

Luca Cognolato alle foglie d'oro di Pesaro per Adotta l'autore

 

Le nostre mani: il dialogo con la materia di Giancarlo Cesarini al castello di Candelara

 

Gherardo Cibo, dilettante di botanica e pittore di paesi ed altri appuntamenti a Pesaro

 

Percorso tra le pagine dei libri con Luigi Dal Cin

 

giornata internazionale Unesco del jazz a San Benedetto del Tronto

 

La linea gotica - 1944 - 2014 i ricordi di un bimbo di 12 anni di Terenzio Pedini

 

Letture a Palazzo Mosca, secondo appuntamento

 

Chiara Samugheo in mostra a Recanati

 

Paolo Gubinelli alla Palazzina Azzurra con Carte incise per Eugenio De Signoribus

 

Europe Direct Marche

 

 

I NUMERI DI PORTALEMARCHE

IL PORTALE DELLE AZIENDE DELLE MARCHE

Aziende

Professionisti

Ristorazione

Hotel Vini&Cantine

  Nuova pagina 1

2684

  OGGI SONO PRESENTI IN ARCHIVIO

2239

  Nuova pagina 1

1376

  Nuova pagina 1

781

cantine

89

Comune Penna San Giovanni MC - vigile urbano autista scuolabus scadenza 16 aprile 2012

CONCORSO PUBBLICO, PER ESAMI, PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO A TEMPO INDETERMINATO E A TEMPO PARZIALE, CON CONTRATTO DI LAVORO DI TIPO ORIZZONTALE PER 24 (VENTIQUATTRO) ORE SETTIMANALI, NEL PROFILO PROFESSIONALE DI “VIGILE URBANO – AUTISTA SCUOLABUS” (CATEGORIA C – POSIZIONE ECONOMICA DI PRIMO INQUADRAMENTO C1) PRESSO IL SETTORE I AMMINISTRATIVO.

Scadenza presentazione domande 16 aprile 2012

IL RESPONSABILE DEL SETTORE CONTABILE

VISTA la Deliberazione della Giunta Comunale n. 48 in data 21 giugno 2010, ad oggetto “Programmazione triennale del fabbisogno di personale: art. 39 della Legge 27/12/1997, n. 449 e s.m.i. Provvedimenti”, esecutiva ai sensi di legge;

RICHIAMATA la propria determinazione n. 10 in data 28 febbraio 2012 relativa alla indizione del pubblico concorso;

VISTO il “Regolamento comunale sull’organizzazione generale degli Uffici e dei Servizi” approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 47 in data 12/09/2000, esecutiva ai sensi di legge;

VISTO il “Regolamento comunale di assunzione agli impieghi, ai requisiti di accesso e alle procedure concorsuali”, nel seguito del presente atto semplicemente “il Regolamento”, approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 42 in data 08/05/2001, esecutiva ai sensi di legge;

VISTA la vigente dotazione organica del Comune di Penna San Giovanni approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 1 in data 4 gennaio 2002, esecutiva ai sensi di legge, come modificata con deliberazioni della Giunta Comunale n. 47 in data 21 giugno 2010 e n. 28 in data 20 aprile 2011, tutte esecutive ai sensi di legge;

VISTI i vigenti C.C.N.L. per il personale del comparto <<Regioni – Autonomie Locali>>;

VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni ed integrazioni, “Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi”;

VISTO il D.P.R. 9 maggio 1994, n. 487 e successive modificazioni e integrazioni, “Regolamento recante norme sull’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi”;

Visto il D.P.C.M. 7 dicembre 1994, n. 174, recante norme sull’accesso dei cittadini degli stati membri dell’Unione Europea agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni;

VISTA la Legge 15/05/1997, n. 127 e successive modificazioni ed integrazioni;

VISTA la legge 12 marzo 1999, n. 68, “Norme per il diritto al lavoro dei disabili”;

VISTO il D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni ed integrazioni, “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa (Testo A)”;

VISTO il D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 e successive modificazioni ed integrazioni, “Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali”;

VISTO il D.Lgs. 30/03/2001, n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni, “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche”;

DATO ATTO che è stato preventivamente adempiuto a quanto disposto agli articoli 30 e 34 bis del D.Lgs. n. 165/2001 e che le relative procedure attivate ai sensi di tali norme hanno avuto esito negativo;

DATO ATTO che il posto si intende riferito ad aspiranti dell’uno o dell’altro sesso;

DATO ATTO che il Comune di Penna San Giovanni garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro ed in tema di trattamento sul lavoro, ai sensi dell’art. 7, comma 1, del D.Lgs. n. 165/2001 e del D.Lgs. 11/04/2006, n. 198 e che ha adempiuto a quanto prescritto dall’art. 48 di detto decreto approvando, con deliberazione della Giunta Comunale n. 3 in data 27/01/2010, il piano delle azioni positive per la realizzazione delle pari opportunità per il triennio 2010/2012;

R E N D E N O T O

ART. 1 – POSTO A CONCORSO
1. E’ indetto concorso pubblico per soli esami per la copertura del posto, a tempo indeterminato ed a tempo parziale, con contratto di lavoro di tipo orizzontale per 24 (ventiquattro) ore settimanali, di “VIGILE URBANO – AUTISTA SCUOLABUS” – Categoria C – Posizione economica di primo inquadramento C1 del CCNL per il personale del comparto delle Regioni ed Autonomie locali, presso il Settore I Amministrativo.
2. Per il presente concorso non opera alcuna riserva.
3. Ai sensi dell’art. 2 della Legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni ed integrazioni, si fa presente che il procedimento instaurato con il presente bando, salvo che ne sia disposta la revoca, si concluderà entro il 28 febbraio 2013.


ART. 2 – TRATTAMENTO ECONOMICO
1. Al posto suddetto è attribuito il seguente trattamento economico annuo lordo, proporzionato all’orario di lavoro.
a) Stipendio tabellare, conglobato dell’indennità integrativa speciale, previsto per la categoria C) – posizione economica C1) – dal C.C.N.L. per il personale del comparto delle <<Regioni – Autonomie locali>>, con la dinamica dei futuri rinnovi contrattuali;
b) Indennità di comparto;
c) Tredicesima mensilità nella misura maturata;
d) Eventuale assegno per il nucleo familiare ai sensi del D.L. 13/03/1988, n. 69, convertito con modificazioni in Legge 13 maggio 1988, n. 153 e successive modificazioni;
e) Indennità di vacanza contrattuale;
f) Altri elementi accessori della retribuzione, eventualmente previsti dalle leggi o dai contratti collettivi vigenti.
2. Gli emolumenti sopra evidenziati si intendono al lordo delle ritenute previdenziali, assistenziali ed erariali nella misura e con le modalità in vigore.

 


ART. 3 – NORMATIVA DEL CONCORSO
1. Le procedure concorsuali e le modalità ed i criteri di valutazione delle prove sono disciplinati dal vigente “Regolamento comunale relativo alle modalità di assunzione agli impieghi, ai requisiti di accesso e alle procedure concorsuali”, di seguito denominato “Regolamento”, approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 42 in data 08/05/2001, esecutiva a tutti gli effetti di legge, e dalla vigente normativa statale in materia di assunzioni in seno alle pubbliche amministrazioni, di cui al D.P.R. 9 maggio 1994, n. 487, così come, di fatto, modificato ed integrato con D.P.R. 30 ottobre 1996, n. 693, con Legge 15 maggio 1997, n. 127 e con Legge 16 giugno 1998, n. 191. Inoltre, in attuazione del disposto del D.Lgs. 11/04/2006, n. 198, è garantita la pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro, come previsto dall’art. 57 del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni ed integrazioni. Si dà, altresì, espressamente atto che il Comune di Penna San Giovanni, occupando meno di quindici dipendenti, non è tenuto alle assunzioni obbligatorie di cui all’art. 3 della Legge 12 marzo 1999, n. 68 e successive modificazioni ed integrazioni.


ART. 4 – REQUISITI PER L’AMMISSIONE AL CONCORSO
1. Al pubblico concorso possono partecipare i candidati di ambo i sessi in possesso, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di ammissione, dei seguenti requisiti a pena di esclusione:
a) CITTADINANZA ITALIANA o di uno Stato membro dell’Unione Europea. I cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea, ai sensi del D.P.C.M. 7 febbraio 1994, n. 174, devono possedere, ai fini dell’accesso ai posti della pubblica amministrazione, i seguenti requisiti:
1) godere dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza;
2) essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;
3) avere adeguata conoscenza della lingua italiana.
Sono equiparati ai cittadini gli Italiani non appartenenti alla Repubblica (Art. 2, comma 4, D.P.R. 9/5/1994, n. 487);
b) ETA’ non inferiore agli anni 18 e non superiore a quella prevista dalle norme vigenti per il collocamento a riposo;
c) IDONEITA’ PSICOFISICA attitudinale all’espletamento delle mansioni relative al posto da ricoprire. La condizione di privo della vista comporta inidoneità fisica specifica all’impiego ai sensi della Legge 28/03/1991, n. 120, in quanto impedisce lo svolgimento delle attività connesse alle mansioni del profilo di “Vigile Urbano – Autista Scuolabus”. Con idonea certificazione, rilasciata dalla competente ASUR, i concorrenti utilmente collocati in graduatoria, interpellati per l’assunzione, dovranno dimostrare di avere:
- Visus 16/10 complessivi, con almeno 6/10 nell’occhio che vede meno. Tale visus è raggiungibile con qualsiasi correzione purché tollerata e con una differenza tra le due lenti non superiore a tre diottrie. Lenti a contatto: sono ammesse purché il visus di 16/10 complessivi sia raggiungibile anche con normali occhiali;
- la normalità del senso cromatico, luminoso e del campo visivo, con percezione dei colori fondamentali;
- normale audiometria;
- capacità funzionale dei quattro arti e della colonna vertebrale;
- assenza di infermità ed imperfezioni dell’apparato cardiocircolatorio e respiratorio;
- assenza di alterazioni neurologiche che possano interferire con lo stato di vigilanza o che abbiano ripercussioni invalidanti di carattere motorio, statico o dinamico;
- assenza di disturbi mentali, di personalità o comportamentali;
- non avere dipendenza da sostanze stupefacenti, psicotrope o da alcool.


L’Amministrazione, in base alla normativa vigente, (Art. 41, comma 2, lettera a) D.Lgs. 09/04/2008, n. 81 e successive modificazioni ed integrazioni) ha facoltà di sottoporre a visita medica preventiva da parte del medico competente il titolare del contratto di lavoro, pena la decadenza dall’impiego. Resta salva, in ogni caso, la facoltà dell’Amministrazione di sottoporre il vincitore del concorso a visita medica preventiva in fase pre-assuntiva presso il medesimo medico competente o presso il dipartimento di prevenzione della ASUR (Art. 41, comma 2, lettera e-bis) D.Lgs. 09/04/2008, n. 81 e successive modificazioni ed integrazioni);
d) TITOLO DI STUDIO: Diploma di scuola media superiore di secondo grado conseguito a conclusione di un corso di studi di durata quinquennale. Il titolo di studio richiesto deve essere conseguito in istituti statali o legalmente riconosciuti. E’ considerato valido ai fini dell’ammissione al concorso il titolo di studio superiore, considerato assorbente quello richiesto dal presente bando. Nel caso in cui il titolo di studio sia conseguito all’estero, dovrà essere allegata in originale o copia autenticata anche idonea documentazione, rilasciata dall’Autorità competente, attestante l’equipollenza ad almeno uno dei diplomi italiani legalmente riconosciuti;
e) PATENTE DI GUIDA in corso di validità della categoria D e relativa carta di qualificazione del conducente (CQC). La patente di guida di categoria D pubblica con certificato di abilitazione al trasporto delle persone di tipo KD non costituisce titolo per la partecipazione al concorso anche in caso di conversione in corso. Al concorso non saranno ammessi i candidati la cui patente risulti sospesa o con numero di punti inferiori a diciotto.
f) IMMUNITA’ DA CONDANNE, DA PROVVEDIMENTI DI INTERDIZIONE E DA MISURE che, ai sensi delle vigenti disposizioni, costituiscono impedimento alla nomina a pubblico impiego, e assenza di procedimenti penali in corso;
g) GODIMENTO DEI DIRITTI POLITICI (o non essere incorsi in alcuna delle cause che, a norma delle vigenti disposizioni di legge, comportano l’esclusione dall’elettorato politico attivo o ne impediscono il possesso);
h) NON ESSERE STATO destituito o dispensato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero dichiarato decaduto da altro impiego presso una Pubblica Amministrazione ai sensi dell’art. 127, comma 1, lettera d), del T.U. approvato con D.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3, per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati di invalidità non sanabile;
i) NON AVER SUBITO, da parte di una pubblica amministrazione, sanzioni disciplinari nei due anni antecedenti alla data di scadenza del termine stabilito dal presente bando per la presentazione della domanda di ammissione;
l) REGOLARE POSIZIONE nei confronti degli obblighi militari (per i candidati di sesso maschile).
2. Tutti i requisiti devono essere posseduti, sotto pena di esclusione, alla data di scadenza del termine stabilito dal presente bando per la presentazione delle domande di ammissione. I suddetti requisiti devono permanere anche al momento dell’eventuale assunzione.
3. L’accertamento della mancanza anche di uno solo dei requisiti prescritti per l’ammissione comporterà l’esclusione dal concorso, ovvero, se sopravvenuto prima dell’assunzione, la decadenza dal diritto alla nomina o la risoluzione del contratto individuale di lavoro eventualmente stipulato.


ART. 5 – TASSA DI CONCORSO
1. La partecipazione al concorso comporta il versamento di una tassa di € 10,00 (euro dieci/00) - non rimborsabili - da effettuarsi mediante una delle seguenti modalità:
a) Versamento diretto presso la Tesoreria Comunale Banca delle Marche s.p.a. Ag. di Penna San Giovanni;

b) Bonifico bancario a favore del Comune di Penna San Giovanni – Tesoreria Comunale Banca delle Marche s.p.a. Ag. di Penna San Giovanni (IBAN IT68Z0605569050000000001600);
c) Versamento sul c/c Postale n. 13462627 intestato al Comune di Penna San Giovanni – Servizio Tesoreria;
con causale di versamento: <<Tassa di partecipazione al Bando di concorso pubblico per la copertura di n. 1 posto a tempo indeterminato e a tempo parziale di “VIGILE URBANO – AUTISTA SCUOLABUS”>>.


ART. 6 – COMPILAZIONE E CONTENUTO DELLA DOMANDA
1. La domanda di ammissione al concorso, sottoscritta dal concorrente a pena di esclusione, da compilarsi in carta semplice utilizzando preferibilmente il fac-simile di domanda allegato al presente bando (ALLEGATO 1), disponibile anche sul sito internet del Comune di Penna San Giovanni: www.pennasangiovanni.sinp.net, o presso il Servizio Personale del Comune, deve essere indirizzata al Responsabile del Settore Contabile del Comune di Penna San Giovanni.
2. Nella domanda i concorrenti sono tenuti a dichiarare, sotto la propria responsabilità, ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445 e consapevoli delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del citato D.P.R. per le ipotesi di falsità in atti e di dichiarazioni mendaci, quanto segue:
a) l’indicazione del concorso al quale intendono partecipare;
b) il cognome e il nome (le aspiranti candidate coniugate o vedove devono dichiarare il cognome da nubile);
c) il luogo e la data di nascita;
d) il codice fiscale;
e) la residenza anagrafica e l’indicazione dell’esatto recapito con il numero di codice di avviamento postale, e facoltativamente il recapito telefonico fisso e/o mobile, il numero di fax e l’indirizzo e-mail, oppure in alternativa a quest’ultimo, nel caso ne abbiano fatto uso per l’invio della domanda, della casella di posta elettronica certificata;
f) il possesso della cittadinanza italiana ovvero la qualifica di italiano non appartenente alla Repubblica. Tale requisito non è richiesto per i cittadini di uno stato membro dell’Unione Europea, purché, oltre agli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica, siano in possesso dei diritti civili e politici, anche negli stati di appartenenza e di provenienza, e dichiarino di avere adeguata conoscenza della lingua italiana;
g) il titolo di studio posseduto e richiesto per l’ammissione (Diploma di scuola media superiore di secondo grado conseguito a conclusione di un corso di studi di durata quinquennale o titolo di studio superiore), specificando in quale data o anno scolastico è stato conseguito e la votazione riportata, ed inoltre l’esatta denominazione e la sede dell’Istituto che lo ha rilasciato;
h) il possesso della patente di guida in corso di validità della categoria D e della relativa Carta di Qualificazione del Conducente (CQC) con il relativo punteggio e l’assenza di provvedimenti di sospensione, specificando l’autorità e la data di rilascio;
i) il Comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
l) le eventuali condanne penali riportate (anche se sia stata concessa amnistia, condono, indulto o perdono giudiziale) con la specificazione del titolo del reato e dell’entità della pena principale e di quelle accessorie, e gli eventuali procedimenti penali in corso. In caso negativo dovrà essere dichiarata l’inesistenza di condanne penali e/o di procedimenti penali;
m)gli eventuali servizi prestati come dipendenti di Pubblica Amministrazione indicando periodi, qualifiche, mansioni e tipo di rapporto (a tempo determinato o indeterminato). In caso negativo dovrà essere dichiarata l’inesistenza di precedenti rapporti di lavoro alle dipendenze di una Pubblica Amministrazione;

n) di non aver riportato sanzioni disciplinari negli ultimi due anni precedenti la data di scadenza del presente bando e di non avere procedimenti disciplinari in corso. In caso affermativo dovranno essere dichiarate e specificate le sanzioni disciplinari riportate e dichiarati gli eventuali procedimenti disciplinari in corso;
o) di non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero dichiarati decaduti da altro impiego presso una Pubblica Amministrazione ai sensi dell'art. 127, comma 1, lettera d) del T.U. approvato con D.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3, per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;
p) di essere in possesso dell’idoneità psicofisica attitudinale all’espletamento delle mansioni relative al posto da ricoprire;
q) l’eventuale possesso di titoli che, a norma delle disposizioni vigenti, danno diritto a preferenza nella graduatoria in caso di parità di punti. I titoli che danno luogo a preferenza a parità di punteggio sono quelli previsti dall’art. 5, commi 4 e 5, del D.P.R. 09/05/1994, n. 487 e successive modificazioni, e dall’art. 47 del vigente Regolamento comunale di assunzione agli impieghi, ai requisiti di accesso e alle procedure concorsuali. I titoli posseduti devono essere esattamente identificati riportando, in relazione all’ipotesi in cui versa il candidato, la denominazione indicata nell’ALLEGATO 2. La mancata indicazione, nella domanda, di tali titoli comporta l’automatica esclusione dei relativi benefici nella stesura della graduatoria finale;
r) la posizione nei riguardi degli obblighi militari di leva;
s) l’accettazione incondizionata delle norme contenute nel presente bando di concorso e quelle vigenti in materia di assunzioni a tempo indeterminato;
t) di aver ricevuto l’informativa sul trattamento e utilizzo dei dati personali di cui all’art. 13 del D.Lgs. 30/06/2003, n. 196, inserita all’interno del presente bando di concorso;
u) di consentire che i dati personali forniti siano raccolti, archiviati, registrati presso il Comune di Penna San Giovanni per le finalità di gestione del pubblico concorso e trattati mediante utilizzo di archivi informatici e/o cartacei, anche successivamente alla conclusione della procedura concorsuale stessa, per le medesime finalità;
v) l’indirizzo presso il quale dovranno essere inviate al concorrente tutte le comunicazioni relative al concorso, nonché l’eventuale recapito telefonico, telefax, di posta elettronica e di posta elettronica certificata. Dovranno essere comunicate, a cura del concorrente, eventuali e successive variazioni;
z) nella domanda di partecipazione al concorso i candidati portatori di handicap specificano l’ausilio necessario in relazione al proprio handicap, nonché l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi, ai sensi dell’art. 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104.
3. La firma in calce alla domanda di ammissione al concorso, presentata in forma cartacea, deve essere scritta per esteso ed in modo leggibile. La firma non è soggetta ad autenticazione, ma ai sensi dell’art. 39 del D.P.R. n. 445/2000 è necessario allegare fotocopia leggibile di documento di identità in corso di validità. La mancata sottoscrizione della domanda comporta l’esclusione automatica dalla procedura.
4. Le dichiarazioni rese e sottoscritte nella domanda hanno valore di dichiarazioni sostitutive di certificazione, ai sensi degli articoli 43 e 46 del D.P.R. n. 445/2000, e di dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà, ai sensi degli artt. 47 e 38 del citato D.P.R. In conformità alla vigente normativa, il candidato dovrà allegare alla domanda fotocopia di un documento di identità valido, come sopra richiesto, a pena di inammissibilità.
5. Ai sensi dell’art. 1, comma 1, della Legge 23/08/1988, n. 370, non sono soggetti all’imposta di bollo le domande ed i relativi documenti per la partecipazione ai concorsi. Il concorrente vincitore del concorso e comunque coloro che sono chiamati in servizio a qualsiasi titolo sono tenuti a regolarizzare in bollo tutti i documenti già presentati e richiesti dal bando e a presentare in bollo i documenti richiesti per l’ammissione all’impiego.

ART. 7 – DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA
1. A corredo della domanda di partecipazione al concorso devono essere allegati i seguenti documenti:

a) OBBLIGATORI (la mancata presentazione determina l’esclusione dal concorso):
1) Copia Fotostatica di un documento di riconoscimento del dichiarante, in corso di validità, da cui si evinca chiaramente l’Ente che lo abbia rilasciato, numero e data del rilascio;
2) Copia Fotostatica di patente di guida in corso di validità della categoria D e della relativa carta di qualificazione del conducente (CQC);
3) Ricevuta del versamento comprovante l’avvenuto pagamento della somma di € 10,00 quale “Tassa di Concorso”;
4) Nel caso in cui il titolo di studio sia conseguito all’estero: originale o copia autenticata di idonea documentazione, rilasciata dall’Autorità competente, attestante l’equipollenza ad almeno uno dei diplomi italiani legalmente riconosciuti (D.Lgs. 16/04/1994, n. 297 – art. 379).

b) FACOLTATIVI (la mancata presentazione impedisce l’attribuzione del beneficio richiesto):
1) Gli eventuali titoli, in originale oppure in copia autenticata, che a norma di legge danno diritto a preferenza nella eventuale assunzione, quando ad essi sia stato fatto riferimento nella domanda. (Vedere ALLEGATO 2);
2) Il concorrente portatore di handicap deve presentare idonea certificazione medica da cui risulti la necessità dell’ausilio occorrente per l’espletamento delle prove e l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi, a norma di quanto previsto dall’art. 20 della Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (documento non autocertificabile).
2. I documenti allegati alla domanda devono essere prodotti in originale oppure in copia autenticata e dichiarata conforme a norma di legge dai funzionari abilitati di cui al D.P.R. n. 445/2000 e successive modificazioni ed integrazioni.
3. I documenti devono essere presentati entro lo stesso termine utile prescritto dal bando per la presentazione della domanda, con l’avvertenza che scaduto tale termine nessun altro documento sarà accettato a corredo della stessa.
4. La domanda di ammissione al concorso deve essere corredata dell’elenco, in carta libera, dei documenti allegati alla medesima.
5. In applicazione delle norme di cui all’art. 46 del D.P.R. n. 445/2000, fatti salvi i limiti di cui all’art. 49 dello stesso D.P.R. (certificati medici e sanitari), e con l’esclusione del documento di riconoscimento del dichiarante, in luogo della documentazione di cui al presente articolo è ammessa una dichiarazione, resa dall’aspirante al concorso ai sensi dell’art. 38 del citato D.P.R. n. 445/2000, nella quale siano dettagliatamente elencati i documenti medesimi e contenente, per ognuno, una descrizione particolareggiata, a pena di nullità, di tutti gli elementi necessari sia per il giudizio di ammissibilità, sia per la loro valutazione, e in particolare l’esatta indicazione della data di rilascio, del numero di protocollo eventualmente assegnato, dell’organismo o dell’ufficio che lo ha rilasciato con relativa sede.
6. In tale caso la documentazione medesima sarà successivamente esibita dall’interessato, su formale richiesta dell’Amministrazione Comunale, prima di procedere all’approvazione della graduatoria.
7. Qualora l’interessato non produca la documentazione oggetto della dichiarazione nel termine di 15 (quindici) giorni dalla richiesta o nel più ampio termine concesso dall’Amministrazione Comunale, oppure dalla stessa risulti che la dichiarazione conteneva elementi mendaci tali da alterare l’esito finale della graduatoria di merito, lo stesso viene escluso dalla graduatoria e, se vincitore del concorso, decaduto dall’assunzione, oltre alle sanzioni penali previste dalle vigenti leggi in materia.

 

8. La documentazione già in possesso dell’Amministrazione Comunale di Penna San Giovanni o che la stessa è tenuta a certificare, viene solamente dichiarata, dettagliatamente, nella domanda di ammissione al concorso in aggiunta alle dichiarazioni richieste, ai sensi del combinato disposto dell’art. 43 del D.P.R. n. 445/2000 e dell’art. 18, commi 2 e 3, della Legge 7 agosto 1990, n. 241.
9. In ogni caso non si terrà conto di dichiarazioni generiche dalle quali non si evinca con precisione la tipologia ed il contenuto del documento, l’Amministrazione che ha emanato l’atto e la data.

ART. 8 – PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
1. Le domande di ammissione al concorso devono essere redatte preferibilmente secondo lo schema “ALLEGATO 1” al presente bando, riportando in ogni caso tutte le informazioni, dettagliatamente indicate ai precedenti articoli 4 e 6, che secondo le norme vigenti i concorrenti sono tenuti a fornire.
2. Le domande, debitamente sottoscritte dai candidati a pena di esclusione, redatte in lingua italiana, in carta semplice, inserite in busta chiusa unitamente ai documenti allegati, ed indirizzate al Responsabile del Settore Contabile del Comune di Penna San Giovanni – Piazza del Municipio, n. 2, 62020 Penna San Giovanni (MC), dovranno essere inviate, a pena di esclusione dal concorso, entro le ore 14,00 del giorno 16 aprile 2012, dando atto che è rispettato il termine minimo di trenta giorni dalla data di pubblicazione dell’avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – Serie IV Speciale – Concorsi ed Esami, secondo quanto prescritto dal D.P.R. 09/05/1994, n. 487 e dal vigente “Regolamento recante norme sull’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e modalità di svolgimento nei concorsi e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi”.
3. Tale termine è perentorio e pertanto non saranno prese in considerazione le domande che, per qualsiasi ragione, non esclusa la forza maggiore, od il fatto di terzi, non fossero presentate in tempo utile.
4. Sulla busta contenente la domanda e i relativi allegati, il candidato deve apporre il proprio nome, cognome ed indirizzo, la denominazione e l’indirizzo dell’Ufficio destinatario, nonché la seguente dicitura <<DOMANDA DI AMMISSIONE AL CONCORSO PER COPERTURA POSTO A TEMPO INDETERMINATO E A TEMPO PARZIALE DI VIGILE URBANO – AUTISTA SCUOLABUS>>.
5. Per la presentazione della domanda il candidato può avvalersi di una delle seguenti modalità:
a) invio del plico, contenente la domanda e tutti i documenti allegati, tramite il servizio postale a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento al seguente indirizzo: Comune di Penna San Giovanni – Settore Contabile – Piazza del Municipio, n. 2 – 62020 Penna San Giovanni (MC);
b) consegna diretta del plico, contenente la domanda e tutti i documenti allegati, all’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune o all’Ufficio Personale (Piazza del Municipio, n. 2, Piano I, orario di apertura al pubblico: da lunedì a sabato, dalle ore 9,00 alle ore 14,00);
c) invio a mezzo posta elettronica certificata da inviarsi alla seguente casella di posta elettronica certificata del Comune di Penna San Giovanni: pennasangiovanni@pec.it A pena di esclusione la domanda e la documentazione presentate per via telematica sono considerate valide esclusivamente se provenienti da casella PEC e se rispettano i requisiti di cui all’art. 65, comma 1, del D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82. Nel caso di utilizzo della posta elettronica certificata la domanda e la documentazione devono essere racchiuse in un’unica cartella di file recante l’indicazione della procedura alla quale si partecipa, identificata con la seguente dicitura: “Bando di concorso per copertura posto di Vigile Urbano - Autista Scuolabus”, ed il mittente del messaggio deve coincidere con il nominativo del concorrente che partecipa alla selezione. Sarà cura degli uffici comunali provvedere alla stampa di tutti i documenti inviati dal concorrente ed inserirli in apposita busta.

6. La data di spedizione delle domande inviate a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento è comprovata dal timbro a data dell’Ufficio Postale accettante. La data di consegna delle domande effettuata direttamente agli Uffici Comunale è comprovata dal timbro a data apposto sulla busta da parte dell’Ufficio Protocollo del Comune. La data di presentazione delle domande inviate a mezzo PEC è attestata dalla ricevuta di accettazione. Le domande, purchè spedite entro il termine utile, devono pervenire, a pena di esclusione dal concorso, entro i 7 (sette) giorni successivi e quindi entro il 23 aprile 2012, e la data di ricevimento è comprovata dal timbro del protocollo generale dell’Ente.
7. Nel caso in cui il termine ultimo di cui al precedente comma 6 scada il giorno in cui si abbia irregolare o mancato funzionamento degli Uffici Postali a seguito di sciopero, il termine deve intendersi prorogato automaticamente a quello successivo alla sua cessazione.
8. Di tale circostanza sarà richiesta dall’Amministrazione apposita attestazione alla Direzione degli Uffici Postali interessati.
9. L’Amministrazione non assume responsabilità per la eventuale dispersione di documenti o di comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell’indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali, telegrafici, informatici e telematici comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore.
10. Le istanze di ammissione presentate con modalità diverse da quelle indicate (invio a mezzo fax o posta elettronica non certificata, invio con posta ordinaria, ecc…) non saranno prese in considerazione.


ART. 9 – RISERVE E PREFERENZE
1. Si rende noto che l’Ente non è soggetto agli obblighi previsti dalla legge 12 marzo 1999, n. 68 “Norme per il diritto al lavoro dei disabili”, in quanto il numero dei posti in organico è inferiore a quindici.
2. Per la copertura del posto non opera la riserva ai sensi degli articoli 18, comma 6, e 26, comma 5-bis, del D.Lgs. 08/05/2001, n. 215.
3. Si applica quanto a riguardo stabilito dall’art. 5 del D.P.R. 09/05/1994, n. 487 e dalla legge n. 127/1997, restando quindi anche precisato che a parità di merito e di titoli la preferenza è determinata:
a) Dal numero di figli a carico, indipendentemente dal fatto che il candidato sia coniugato o meno.
b) Dall’aver prestato lodevole servizio nelle amministrazioni pubbliche.
c) Dall’essere il più giovane di età.
4. A fronte di eventuale ulteriore parità, si procederà con sorteggio pubblico fra i candidati interessati.


ART. 10 – ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE
1. Dopo la scadenza del termine ultimo per la ricezione, le domande pervenute saranno esaminate dal Responsabile del Settore Contabile – Servizio Personale – al fine del riscontro delle medesime e della documentazione allegata, e di verificare la loro corrispondenza con quanto prescritto dal presente bando ed il possesso da parte dei concorrenti dei requisiti di ammissione richiesti.
2. Qualora da tale esame risultino omissioni o imperfezioni sanabili ai sensi dell’art. 19 del Regolamento e comprese fra quelle tassativamente elencate nel successivo comma, il candidato potrà essere invitato, con richiesta inviata presso i recapiti indicati nella domanda, tramite lettera raccomandata A.R., notifica, telegramma, posta elettronica certificata, e-mail, fax, a provvedere alla regolarizzazione delle stesse.

3. Sono sanabili esclusivamente le seguenti irregolarità od omissioni rilevate nelle domande di ammissione al concorso e nei documenti di rito:
a) omissione o incompiutezza di una o più dichiarazioni di quelle richieste riguardanti il possesso, alla data di scadenza di presentazione delle domande, dei titoli richiesti e dei requisiti essenziali di cui agli articoli 4 e 6 del presente bando di concorso, ad eccezione di quelle relative alle generalità, data e luogo di nascita, domicilio e recapito, laddove non rilevabili implicitamente dalla documentazione allegata;
b) mancata produzione della ricevuta comprovante il versamento, entro i termini stabiliti dal bando, della tassa di ammissione al concorso, o mancata presentazione di dichiarazione sostitutiva attestante tale adempimento ed indicante esattamente le modalità;
4. La sanatoria delle irregolarità di cui al precedente comma avviene, a pena di esclusione dal concorso, entro il termine di dieci giorni dalla data di ricevimento della richiesta di regolarizzazione. La mancata regolarizzazione della domanda comporterà l’esclusione dal concorso.
5. Ai sensi dell’art. 20 del Regolamento non è sanabile e comporta l’esclusione automatica dal concorso:
a) la mancanza anche di uno solo dei requisiti di ammissione di cui all’art. 4 del presente bando alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande;
b) la presentazione di domanda contenente difetti, irregolarità od omissioni non sanabili ai sensi del precedente comma 3;
c) l’omissione della firma del candidato a sottoscrizione della domanda di partecipazione al bando di concorso;
d) l’omissione, in allegato alla domanda, della fotocopia di documento di riconoscimento, in corso di validità;
e) la mancata dichiarazione e/o attestazione relativa al numero dei punti della patente di guida;
f) il mancato versamento della tassa di concorso nei modi e nei termini stabiliti dall’art. 5 del presente bando;
g) la mancata presentazione degli originali o delle copie autentiche dei documenti richiesti;
h) il mancato rispetto dei termini e delle modalità di presentazione della domanda di partecipazione, di cui all’art. 8 del presente bando;
i) produzione della domanda di partecipazione al concorso per via telematica utilizzando posta elettronica diversa dalla PEC e priva dei requisiti di cui all’art. 65, comma 1, del D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82.
6. Costituisce ulteriore causa di inammissibilità al concorso, non sanabile per sua natura, la ricezione da parte dell’Ente della domanda di partecipazione, pur spedita entro i termini previsti, oltre la data di scadenza indicata all’art. 8, commi 6 e 7 del presente bando.
7. Ove risulti provato che alla data di scadenza di presentazione della domanda il candidato non è in possesso di uno o più requisiti richiesti per l’accesso al concorso, ne verrà disposta l’esclusione ai sensi dell’art. 20 del Regolamento. L’esclusione dal concorso, per difetto dei requisiti, disposta con provvedimento motivato del Responsabile del Settore Contabile, sarà comunicata al concorrente, presso il domicilio indicato nella domanda, tramite lettera raccomandata A.R., notifica, telegramma, posta elettronica certificata, e-mail o fax.
8. L’esclusione dal concorso, per difetto dei requisiti, può comunque essere disposta in qualsiasi momento, con provvedimento motivato del Responsabile del Settore Contabile da comunicarsi al concorrente presso il domicilio indicato nella domanda con le medesime modalità di cui al comma precedente.


ART. 11 – PROVE D’ESAME
1. La durata delle singole prove e le modalità di svolgimento delle stesse sono stabilite dalla commissione giudicatrice con l’osservanza della normativa e delle disposizioni del regolamento comunale vigenti per tale materia.
2. Le prove d’esame consisteranno in una prova scritta, in una prova pratica ed in una prova orale e verteranno sul programma di seguito riportato:

PROVA SCRITTA – Svolgimento di un tema anche a contenuto teorico-pratico o solo teorico nelle materie della prova orale.

PROVA PRATICA O A CONTENUTO TEORICO PRATICO – Esecuzione pratica di un lavoro o di un elaborato, attinente le materie della prova orale, atto a dimostrare l’idoneità e l’attitudine del candidato ai compiti inerenti al posto messo a concorso.

PROVA ORALE – Materie della prova scritta e della prova pratica:
• ORDINAMENTO GENERALE DELLO STATO;
• ORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI, CON PARTICOLARE RIGUARDO AI COMUNI E ALLA LORO ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA (T.U. N. 267/2000);
• DIRITTO AMMINISTRATIVO;
• RAPPORTO DI PUBBLICO IMPIEGO CON PARTICOLARE RIGUARDO AI PROCESSI DI RIFORMA, NONCHÈ ALLE RESPONSABILITÀ, DOVERI, DIRITTI E SANZIONI DISCIPLINARI DEL PUBBLICO DIPENDENTE;
• DIRITTO E PROCEDURA PENALE, FUNZIONI DI POLIZIA GIUDIZIARIA DEGLI OPERATORI DI POLIZIA MUNICIPALE;
• LEGISLAZIONE IN MATERIA DI COMMERCIO, AMBIENTE, URBANISTICA-EDILIZIA, IGIENE, SANITÀ, POLIZIA AMMINISTRATIVA E PUBBLICA SICUREZZA E PROCEDIMENTI DI CONTESTAZIONE DELLE RELATIVE NORME;
• CODICE DELLA STRADA ED INFORTUNISTICA STRADALE;
• LEGGE 24/11/1982, N. 689: REGIME SANZIONATORIO AMMINISTRATIVO E DEPENALIZZAZIONE;
• PROCEDURA CIVILE CON PARTICOLARE RIGUARDO AL SERVIZIO DI NOTIFICAZIONE DEGLI ATTI;
• ORDINAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE: LEGGE REGIONALE E LEGGE QUADRO;
• PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI;
• NOZIONI SUI SERVIZI DI TRASPORTO SCOLASTICO E SUL FUNZIONAMENTO E LA MANUTENZIONE DEGLI AUTOVEICOLI;
• NOZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO.

3. Qualora si dovesse registrare un numero di domande superiore a 40, o qualora lo richiedano particolari circostanze, l’Amministrazione si riserva la facoltà di far precedere le prove concorsuali da un procedimento di preselezione. Le forme di preselezione, predisposte anche da aziende specializzate in selezione del personale, sono effettuate mediante l’utilizzazione di appositi questionari o quiz o test avvalendosi anche di sistemi automatizzati.
4. Si intendono ammessi alla partecipazione alla eventuale prova preselettiva tutti i concorrenti che non abbiano ricevuto notizia personale dell’esclusione. L’elenco dei candidati ammessi alla preselezione sarà comunque pubblicato all’Albo Pretorio e sul sito istituzionale del Comune a valere quale comunicazione a sostenere la prova suddetta.
5. Nel caso venga espletata la preselezione, saranno ammessi a sostenere le prove concorsuali esclusivamente i candidati che avranno superato la prova preselettiva avendo conseguito un punteggio di 21/30. L’elenco dei candidati che avranno superato la preselezione sarà pubblicato entro 5 giorni lavorativi dalla prova, all’Albo Pretorio e sul sito istituzionale del Comune a valere quale comunicazione per gli ammessi a sostenere le prove scritta e pratica, senza altro avviso individuale.

 


ART. 12 – DIARIO E SEDE DELLE PROVE
1. Il diario dell’eventuale prova preselettiva e delle prove scritta e pratica, la sede d’esame e l’elenco dei concorrenti ammessi al concorso saranno comunicati dal Presidente della Commissione esaminatrice mediante pubblicazione all’Albo Pretorio Telematico e sul sito web istituzionale del Comune di Penna San Giovanni (www.pennasangiovanni.sinp.net) almeno 20 (venti) giorni prima della data fissata per l’espletamento della prima prova in programma.
2. I concorrenti ammessi, pena l’esclusione dal concorso e senza altra comunicazione, dovranno presentarsi alle prove, nella sede, nei giorni e nelle ore sopra specificati, muniti di un valido documento di riconoscimento. Ai concorrenti non ammessi a sostenere le suddette prove ne sarà data tempestiva comunicazione personale con indicazione dei motivi di esclusione.
3. Le prove del concorso scritte, pratiche ed orali e l’eventuale prova preselettiva non possono aver luogo nei giorni festivi né, ai sensi della Legge 8 marzo 1989, n. 101, nei giorni di festività religiose ebraiche, nonché nei giorni di festività religiose valdesi.
5. Sono ammessi alla prova orale i candidati che abbiano riportato sia nella prova scritta che nella prova pratica una votazione di almeno 21/30 del punteggio massimo disponibile.
6. Ai concorrenti che conseguono l’ammissione alla prova orale sarà data comunicazione mediante avviso pubblicato all’Albo Pretorio Telematico e nel sito internet istituzionale del Comune di Penna San Giovanni, nella Sezione “ATTI E PROVVEDIMENTI”, sottosezione “CONCORSI”, con l’indicazione del voto riportato nelle prove scritta e pratica e del giorno e del luogo in cui dovranno sostenere la prova. Detta comunicazione, senza altro avviso individuale, sarà diramata almeno venti giorni prima di quello in cui dovrà essere sostenuta la prova orale. La prova orale si intende superata con una votazione di almeno 21/30 del punteggio massimo disponibile.
7. L’esclusione dalla prova orale sarà resa nota ai concorrenti con comunicazione individuale recapitata mediante lettera raccomandata A.R., notifica, telegramma, posta elettronica certificata, e-mail o fax all’indirizzo indicato nella domanda di partecipazione.
8. La mancata presenza del candidato, anche ad una sola prova, nel giorno e nell’ora stabiliti, anche se la stessa fosse dipendente da causa di forza maggiore, sarà considerata rinuncia alla partecipazione al concorso.
9. L’esclusione dal concorso, per mancato possesso dei relativi requisiti, ovvero per irregolarità della domanda non sanata entro i termini prescritti, può comunque avvenire in ogni fase della procedura, con comunicazione recapitata mediante lettera raccomandata A.R., notifica, telegramma, posta elettronica certificata, e-mail o fax all’indirizzo indicato nella domanda di partecipazione.
10. Eventuali variazioni del diario e della sede delle prove, salvo cause di forza maggiore, saranno comunicate mediante avviso pubblicato all’Albo Pretorio Telematico e nel sito internet istituzionale del Comune di Penna San Giovanni nella Sezione “ATTI E PROVVEDIMENTI”, sottosezione “CONCORSI” non oltre tre giorni prima della data precedentemente fissata.


ART. 13 – COMMISSIONE ESAMINATRICE
1. La Commissione esaminatrice, appositamente nominata dai competenti organi comunali, provvederà all’espletamento e alla valutazione delle prove d’esame ed infine alla formulazione della graduatoria, in ordine decrescente di merito, dei concorrenti sulla base della votazione complessiva conseguita nelle prove d’esame, come previsto dal vigente Regolamento comunale di assunzione agli impieghi, ai requisiti di accesso e alle procedure concorsuali, con l’osservanza, a parità di punteggio, delle norme in materia di preferenza.

 

 

ART. 14 – SVOLGIMENTO PROVE D’ESAME
1. Per sostenere le prove concorsuali i candidati dovranno presentarsi muniti di idoneo documento di identità in corso di validità pena l’esclusione dal concorso.
2. I candidati ammessi che non saranno presenti nel giorno e all’ora stabiliti anche di una sola prova saranno considerati rinunciatari e, pertanto, esclusi dal concorso.
3. Per l’espletamento delle prove Commissione Esaminatrice stabilisce preliminarmente e rende noto ai concorrenti presenti un termine massimo di durata non superiore a sei ore per le prove scritta e pratica e non superiore ad un’ora per la prova orale.
4. Durante le prove non è consentito utilizzare carte da scrivere, testi, appunti, manoscritti, libri, pubblicazioni e dizionari di qualunque specie. I candidati non potranno altresì avere con sé apparecchi telefonici ed informatici portatili a pena di esclusione dal concorso.
5. La valutazione della prova orale di ciascun candidato sarà formulata immediatamente dopo che lo stesso avrà lasciato la sala e comunque prima di ammettere alla prova il successivo concorrente.


ART. 15 – CRITERI DI VALUTAZIONE
1. Per l’espletamento delle prove di esame e per la relativa valutazione si applicano le norme di cui agli artt. 6 e 13 del D.P.R. n. 487/1994 e successive modifiche ed integrazioni nonché del vigente Regolamento comunale di assunzione agli impieghi, ai requisiti di accesso e alle procedure concorsuali.
2. Il punteggio massimo disponibile per la valutazione di tutte le prove di esame è di 90 (novanta) punti, secondo quanto disposto dall’art. 31 del citato Regolamento.
3. Per la valutazione di ciascuna prova d’esame, la Commissione Esaminatrice dispone pertanto complessivamente di 30 punti, mentre ciascun componente della Commissione Esaminatrice dispone di un punteggio pari a 10.
4. Tutti i concorrenti sono tenuti a svolgere la prova scritta e quella pratica o teorico-pratica. Saranno ammessi a sostenere la prova orale i candidati che abbiano conseguito una votazione di almeno 21/30 del punteggio massimo disponibile sia nella prova scritta che nella prova pratica o teorico-pratica.
5. La prova orale si intende superata qualora il candidato abbia riportato una votazione di almeno 21/30 del punteggio massimo disponibile.


ART. 16 – PUBBLICITA’ DELL’ESITO DELLE PROVE D’ESAME
1. Al termine della valutazione delle prove scritta e pratica, o teorico-pratica e dell’eventuale prova preselettiva, il Presidente della Commissione Esaminatrice provvede a far pubblicare all’Albo Pretorio del Comune l’elenco dei concorrenti che hanno superato le prove con l’indicazione della votazione conseguita.
2. Al termine della valutazione della prova orale, la Commissione Esaminatrice forma l’elenco dei concorrenti esaminati, con l’indicazione dei voti da ciascuno riportati, che sarà affisso nella sede degli esami e all’Albo Pretorio del Comune.


ART. 17 – GRADUATORIA DI MERITO DEL CONCORSO
1. Al termine della prova orale, o in altra seduta successiva da tenersi entro e non oltre 20 giorni da questa, la Commissione Esaminatrice procede alla formulazione della graduatoria di merito dei concorrenti assegnando a ciascun candidato il punteggio finale risultante dalla somma della media dei voti conseguiti nelle prove scritta e pratica e della votazione conseguita nella prova orale.

2. La graduatoria seguirà l’ordine decrescente dei punteggi della votazione complessiva riportata da ciascun concorrente con l’osservanza, a parità di punti, delle preferenze previste dall’art. 47 del Regolamento.
3. I titoli di preferenza di legge saranno presi in considerazione soltanto se dichiarati nella domanda di ammissione alla procedura e debitamente documentati in conformità a quanto prescritto dall’art. 7, comma 1, lett. b) del presente bando. Si ricorda la corretta e completa esposizione nella precisazione delle preferenze necessarie alla commissione per la stesura della graduatoria.


ART. 18 – APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI MERITO E DEL VINCITORE
1. La graduatoria di merito e del vincitore, unitamente ai relativi verbali della procedura debitamente sottoscritti, è trasmessa dal Presidente della Commissione Esaminatrice al Responsabile del Settore Contabile.
2. La graduatoria, previo accertamento dei requisiti prescritti per l’assunzione e previa acquisizione dei documenti che nella domanda siano stati semplicemente autocertificati, tenuto conto delle preferenze riconosciute e documentate, è approvata con determinazione del Responsabile del Settore Contabile ed è immediatamente efficace.
3. La graduatoria finale sarà pubblicata per quindici giorni consecutivi, con valore di notifica a tutti gli effetti di legge, all’Albo Pretorio Telematico del Comune di Penna San Giovanni, inserito nel sito Internet del Comune di Penna San Giovanni: www.pennasangiovanni.sinp.net e sarà consultabile sullo stesso sito internet nella Sezione “ATTI E PROVVEDIMENTI”, sottosezione “CONCORSI”, con indicazione dei punteggi riportati dai candidati risultati idonei, nonché delle relative collocazioni nell’ordine di merito, fatta salva l’applicazione delle norme concernenti le preferenze di legge, sopra richiamate.
4. Dalla data di pubblicazione decorre il termine per le eventuali impugnative.


ART. 19 – EFFICACIA DELLA GRADUATORIA
1. In deroga a quanto previsto dall’art. 3, comma 22, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, ai sensi dell’art. 6, comma 21, della Legge 15 maggio 1997, n. 127, la graduatoria concorsuale rimane efficace per un termine di tre anni dalla data di pubblicazione per l’eventuale copertura dei posti che, entro tale data, si venissero a rendere successivamente vacanti e disponibili nello stesso profilo professionale, con rapporto di lavoro a tempo pieno o parziale, nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia di assunzione di personale, fatta eccezione per i posti istituiti o trasformati successivamente all’indizione del concorso medesimo.
2. Nell’ambito di tale validità l’Amministrazione Comunale ha altresì la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di utilizzare la graduatoria per i posti di pari qualifica e profilo professionale per assunzioni a tempo determinato, a tempo pieno o parziale.
3. L’Amministrazione si riserva di non procedere all’assunzione del vincitore del concorso qualora circostanze preclusive di natura normativa, organizzativa o anche finanziaria non lo consentano. Nell’eventualità tali circostanze verranno comunicate al vincitore e debitamente motivate.


ART. 20 – ACCERTAMENTO DEI REQUISITI PRESCRITTI PER L’ASSUNZIONE
1. L’Amministrazione Comunale, prima di procedere all’approvazione della graduatoria ed alla stipulazione del contratto individuale ai fini dell’assunzione del vincitore del concorso, accerta il possesso dei sottoelencati requisiti dichiarati nella domanda di ammissione al concorso o richiesti espressamente da disposizioni di legge, regolamentari o contrattuali :
a) estratto dell’atto di nascita;
b) certificato di stato di famiglia;
c) certificato di cittadinanza italiana o di paese membro della Unione Europea;
d) certificato di godimento dei diritti politici;
e) certificato generale del casellario giudiziale;
f) certificato attestante la presenza o meno di procedimenti penali in corso;
g) certificazione rilasciata dalle amministrazioni presso le quali risulta aver prestato servizio, attestante che il concorrente non ha riportato sanzioni disciplinari negli ultimi due anni precedenti la data di scadenza del presente bando e non ha procedimenti disciplinari in corso;
h) copia o estratto, dello stato di servizio militare, per gli ufficiali, ovvero copia o estratto del foglio matricolare o del foglio del congedo illimitato, per i sottufficiali e militari di truppa, ovvero certificato di esito di leva, ovvero certificato equipollente, se il vincitore è di sesso maschile, in competente bollo;
i) titolo di studio in originale o copia autenticata in competente bollo, qualora nella domanda di partecipazione sia stato semplicemente dichiarato o allegato un semplice certificato. Qualora il titolo originale non sia stato ancora rilasciato è ammessa la presentazione di un certificato sostitutivo rilasciato dall’Autorità Scolastica competente. La fungibilità del certificato all’originale è condizionata alla attestazione, contenuta nello stesso certificato, del mancato rilascio dell’originale;
l) dichiarazione resa dal vincitore del concorso, ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445, attestante che lo stesso non è mai stato destituito o dispensato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, e che non è mai stato dichiarato decaduto da altro impiego presso una Pubblica Amministrazione per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile, ai sensi dell’art. 127, comma 1, lettera d), del Testo Unico approvato con D.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3 e successive modificazioni ed integrazioni;
m) dichiarazione resa dal vincitore del concorso, ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445, attestante che lo stesso non ha altri rapporti di impiego pubblico o privato e che non si trova in alcune delle situazioni di incompatibilità richiamate dall’art. 53 del Decreto Legislativo 30/03/2001, n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni. Nel caso sia in corso un altro rapporto d’impiego, l’interessato deve presentare la dichiarazione di opzione per la nuova Amministrazione;
n) idonea certificazione, rilasciata dalla competente ASUR, comprovante:
- Visus 16/10 complessivi, con almeno 6/10 nell’occhio che vede meno. Tale visus è raggiungibile con qualsiasi correzione purché tollerata e con una differenza tra le due lenti non superiore a tre diottrie. Lenti a contatto: sono ammesse purché il visus di 16/10 complessivi sia raggiungibile anche con normali occhiali;
- la normalità del senso cromatico, luminoso e del campo visivo, con percezione dei colori fondamentali;
- normale audiometria;
- capacità funzionale dei quattro arti e della colonna vertebrale;
- assenza di infermità ed imperfezioni dell’apparato cardiocircolatorio e respiratorio;
- assenza di alterazioni neurologiche che possano interferire con lo stato di vigilanza o che abbiano ripercussioni invalidanti di carattere motorio, statico o dinamico;
- assenza di disturbi mentali, di personalità o comportamentali;
- non avere dipendenza da sostanze stupefacenti, psicotrope o da alcool;
o) copia fotostatica della patente di guida in corso di validità della categoria D e della relativa Carta di Qualificazione del Conducente (CQC) (se non allegata alla domanda di partecipazione al concorso).

2. I documenti di cui alle lettere da a) a g) del comma 1 sono accertati d’ufficio dall’Amministrazione, ai sensi del combinato disposto dell’art. 43, comma 1, del D.P.R. 28/12/2000, n. 445, e dell’art. 18, commi 2 e 3, della Legge 7 agosto 1990, n. 241.

3. I documenti di cui alle lettere da h) a o) sono prodotti dal vincitore del concorso, il quale sarà invitato dall’Amministrazione Comunale a presentarli prima della sua assunzione e comunque entro il termine massimo di trenta giorni dall’assunzione in prova.
4. L’Amministrazione Comunale comunica al vincitore del concorso di non poter dar luogo alla stipulazione del contratto individuale di lavoro, oppure, se assunto in prova, l’immediata cessazione dal servizio, qualora lo stesso non produca uno o più documenti richiestigli nei termini assegnati, senza giustificato motivo. Analogamente si procede nel caso in cui in sede di accertamento dei requisiti prescritti, venga accertata la mancanza di uno o più dei medesimi.
5. Qualora dovesse essere accertato che il vincitore del concorso non abbia mai posseduto i requisiti prescritti per l’ammissione allo stesso, si procederà all’annullamento della graduatoria nella parte in cui il medesimo è stato dichiarato vincitore. Nel caso di dichiarazioni mendaci, gli eventuali reati saranno penalmente perseguiti.
6. La documentazione di cui al comma 1 del presente articolo non è richiesta qualora il vincitore del concorso sia già dipendente del Comune di Penna San Giovanni.
7. Resta inteso che L’Amministrazione, in base alla normativa vigente, (Art. 41, comma 2, lettera a) D.Lgs. 09/04/2008, n. 81 e s.m.i.) ha facoltà di sottoporre a visita medica preventiva da parte del medico competente il titolare del contratto di lavoro, pena la decadenza dall’impiego. Resta salva, in ogni caso, la facoltà dell’Amministrazione di sottoporre il vincitore del concorso a visita medica preventiva in fase pre-assuntiva presso il medesimo medico competente o presso il dipartimento di prevenzione della ASUR (Art. 41, comma 2, lettera e-bis) D.Lgs. 09/04/2008, n. 81 e s.m.i.).


ART. 21 – ACCERTAMENTI DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE RESE
1. Ai sensi dell’art. 71 del decreto del Presidente della Repubblica 28/12/2000, n. 445, il Comune si riserva la facoltà di procedere ad idonei controlli, anche a campione, sulla veridicità di tutte le dichiarazioni sostitutive rese dai candidati.
2. Inoltre, qualora dal controllo emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, il candidato, oltre a rispondere ai sensi dell’art. 76 del D.P.R. n. 445/2000, decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera secondo quanto disposto dall’art. 75 del citato D.P.R.


ART. 22 – COSTITUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO
1. Il rapporto di lavoro a tempo indeterminato è costituito e regolato da contratti individuali, per i quali è richiesta la forma scritta, secondo le disposizioni di legge, della normativa comunitaria e del contratto collettivo nazionale di lavoro per il personale del comparto delle Autonomie Locali.
2. Espletati con esito favorevole gli accertamenti di cui all’art. 20, con il vincitore del concorso sarà stipulato un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato e a tempo parziale, di tipo orizzontale, per 24 (ventiquattro) ore settimanali. Il rapporto di lavoro si costituisce dalla data indicata nel contratto.
3. Il diritto al trattamento economico sorge dalla data di effettivo inizio della prestazione.
4. Nel caso di mancata assunzione in servizio, non dovuta a causa di forza maggiore, il contratto si deve intendere risolto ed il rapporto di lavoro estinto.
5. Il rapporto di lavoro a tempo indeterminato è soggetto ad un periodo di prova che avrà la durata di mesi sei ed acquisterà il carattere di stabilità dopo il superamento con esito favorevole, a norma delle vigenti disposizioni in materia.
6. E’ in ogni modo condizione risolutiva del contratto, senza obbligo di preavviso, l’annullamento della procedura di reclutamento che ne costituisce il presupposto.


ART. 23 – TRATTAMENTO DATI PERSONALI
1. Ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 30/06/2003, n. 196, in ordine al procedimento cui si riferisce il presente bando si informa che:
a) il conferimento dei dati ha natura facoltativa, e si configura più esattamente come onere, nel senso che il concorrente, se intende partecipare al concorso, deve rendere la documentazione e le dichiarazioni richieste dall’Amministrazione ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione e per l’ammissione alla procedura concorsuale secondo quanto previsto dal Regolamento comunale di assunzione agli impieghi, ai requisiti di accesso e alle procedure concorsuali;
b) la conseguenza di un eventuale rifiuto di rispondere consiste nell’esclusione dal concorso o nella esclusione dalla graduatoria;
c) i dati forniti dal candidato, nel rispetto di quanto previsto dagli articoli 13 e 24 del decreto legislativo D.Lgs. 30/06/2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), saranno utilizzati esclusivamente per gli adempimenti connessi alla procedura concorsuale cui si riferiscono e, successivamente all’eventuale instaurazione del rapporto di lavoro, per le finalità inerenti la gestione del rapporto medesimo;
d) I dati dichiarati dai candidati nelle loro domande saranno raccolti, archiviati, registrati e trattati, anche tramite supporti informatici e telematici, comunicati al personale dipendente del Comune coinvolto nel procedimento e ai membri della commissione esaminatrice designati dall’Amministrazione comunale, e successivamente all’eventuale instaurazione del rapporto di lavoro, per le finalità inerenti la gestione di tale rapporto medesimo;
e) i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati sono: 1) il personale interno dell’Amministrazione implicato nel procedimento; 2) i concorrenti che partecipano al concorso; 3) ogni altro soggetto che abbia interesse ai sensi della Legge 7 agosto 1990, n. 241; 4) i soggetti interpellati ai fini della verifica della veridicità delle dichiarazioni rese;
f) in ogni momento, il soggetto che ha fornito i dati richiesti ai fini dell’ammissione potrà esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003;
g) il titolare del trattamento dei dati è il Comune di Penna San Giovanni. Incaricato del trattamento dei dati è il Responsabile del Settore Contabile Dott.ssa Sonia VITA.


ART. 24 – DISPOSIZIONI FINALI E RINVIO
1. La partecipazione al concorso comporta l’implicita ed incondizionata accettazione, senza riserva alcuna, di tutte le disposizioni contenute nel presente bando.
2. Per quanto non previsto nel presente bando, si fa espresso rinvio al vigente “Regolamento comunale di assunzione agli impieghi, ai requisiti di accesso e alle procedure concorsuali”, approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 42 in data 08/05/2001, esecutiva ai sensi di legge, nonché al “Regolamento recante norme sull’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni” approvato con D.P.R. 9 maggio 1994, n. 487, così come modificato ed integrato con D.P.R. 30 ottobre 1996, n. 693, alla Legge 15 maggio 1997, n. 127, alla Legge 16 giugno 1998, n. 191, al D.Lgs. 30 marzo 2011, n. 165 ed alle altre disposizioni di legge e di regolamento vigenti in materia di assunzione nel pubblico impiego.
3. L’Amministrazione comunale, ove ricorrano motivi di pubblico interesse, sopravvenuti vincoli legislativi e/o finanziari che impongano il blocco o la limitazione delle assunzioni di personale, o a seguito della variazione delle esigenze organizzative dell’Ente, ha la facoltà di revocare il bando di concorso, di prorogare i termini di scadenza del concorso e di riaprirli quando siano già chiusi e non sia stata ancora insediata la commissione esaminatrice, nonché di disporre in ogni momento l’esclusione dal concorso di un candidato per difetto dei requisiti prescritti.


4. Nei casi di proroga e riapertura dei termini gli aspiranti che abbiano già presentato domanda di partecipazione al concorso saranno adeguatamente informati della proroga o della riapertura dei termini al fine dell’eventuale integrazione della documentazione già presentata. Il provvedimento di rettifica del bando di concorso può essere adottato dal Responsabile prima dell’ammissione dei candidati, per motivi di legittimità, sempre in funzione del pubblico interesse, procedendo alla ripubblicazione del bando e alla riapertura dei termini.
5. Dei provvedimenti di proroga e di riapertura dei termini e di rettifica del bando sarà altresì data notizia con le medesime modalità del presente bando.
6. Alla nomina e all’assunzione del vincitore si provvederà soltanto se, al termine di tutte le procedure concorsuali, le disposizioni di legge vigenti lo consentiranno.
7. Il presente bando, completo dei relativi moduli ALLEGATI 1) e 2), sarà pubblicato, sino alla scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di ammissione, all’Albo Pretorio Telematico dell’Ente inserito nel sito internet del Comune di Penna San Giovanni www.pennasangiovanni.sinp.net
8. Il presente bando, completo dei relativi allegati, sarà altresì consultabile e direttamente scaricabile dallo stesso sito internet nella Sezione “ATTI E PROVVEDIMENTI”, sottosezione “CONCORSI”. Si precisa che non saranno effettuati invii a mezzo fax, posta ordinaria e posta elettronica ordinaria e PEC. Copia del presente bando, completo degli allegati, sarà infine reso disponibile presso il Settore Contabile – Servizio Personale.
9. L’avviso di indizione del Concorso è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – Serie IV Speciale – Concorsi ed Esami n.19 del giorno 9 Marzo 2012.
10. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 8 della Legge n. 241/1990 Responsabile del procedimento è la Dott.ssa Sonia VITA, Responsabile del Settore Contabile.
11. Le persone interessate possono chiedere eventuali informazioni e chiarimenti al predetto Responsabile, Piazza del Municipio, n. 2, 62020 Penna San Giovanni (MC), tel. 0733/669119 – 0733/699177, fax 0733/669514, e-mail: ragioneria@pennasangiovanni.sinp.net, nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 10,00 alle ore 12,00.

Penna San Giovanni, lì 12 marzo 2012

IL RESPONSABILE DEL SETTORE CONTABILE
Dott.ssa Sonia VITA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ALLEGATO 1)

FACSIMILE DI DOMANDA DI AMMISSIONE IN CARTA LIBERA

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO PUBBLICO, PER ESAMI, PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO A TEMPO INDETERMINATO E A TEMPO PARZIALE, CON CONTRATTO DI LAVORO DI TIPO ORIZZONTALE PER 24 (VENTIQUATTRO) ORE SETTIMANALI, NEL PROFILO PROFESSIONALE DI “VIGILE URBANO – AUTISTA SCUOLABUS” (CATEGORIA C – POSIZIONE ECONOMICA DI PRIMO INQUADRAMENTO C1) PRESSO IL SETTORE I AMMINISTRATIVO.

Al Responsabile del Settore Contabile del
COMUNE DI PENNA SAN GIOVANNI (MC)

__l__ sottoscritt__ (Cognome e Nome) ___________________________________________ nat__ a ___________________________________________________ (Provincia____) il__________________, chiede di essere ammess_ a partecipare al concorso pubblico, per esami, per la copertura di n. 1 posto a tempo indeterminato e a tempo parziale, con contratto di lavoro di tipo orizzontale per ventiquattro ore settimanali, di “Vigile Urbano – Autista scuolabus” (Categoria C – Posizione economica di primo inquadramento C1) presso il Settore I Amministrativo, indetto con bando del 12 marzo 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica – IV Serie speciale n. 19 del 9 marzo 2012.

A tal fine, sotto la propria personale responsabilità, ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000, nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia e consapevole delle sanzioni penali di cui all’art. 76 del decreto citato per false attestazioni e dichiarazioni mendaci, e che, inoltre, qualora dal controllo effettuato emerga la non veridicità del contenuto di taluna delle dichiarazioni rese, decadrà dai benefici conseguenti al provvedimento eventualmente emanato sulla base della dichiarazione non veritiera (art. 75 del D.P.R. n. 445/2000), dichiara quanto segue:

1) di essere nat_ a ___________________________________________ il _____________________ e di essere residente in ______________________________ Via ________________________ n. _________
C.A.P.________________ Provincia _______ Codice Fiscale ___________________________________
TELEFONO fisso _______________ mobile __________________ FAX _________________________
Indirizzo e-mail _______________________________ Indirizzo PEC ___________________________

2) di essere cittadino italiano o di un paese appartenente all’Unione Europea (specificare nazionalità___________________________________________________________________________);

2a) per i cittadini appartenenti all’Unione Europea:
a) di godere dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza;
b) di essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;
c) di avere adeguata conoscenza della lingua italiana.

3) di essere in possesso del seguente titolo di studio (1): _______________________________________
conseguito nell’anno scolastico _____________________ presso l’Istituto ________________________
________________________ con sede in ____________________ con votazione di ________________;

3a) (per i titoli di studio conseguiti all’estero) (2) di essere in possesso della dichiarazione, rilasciata dall’Autorità competente _____________________, con provvedimento n. _________ in data ________________ che tale titolo è riconosciuto equipollente ad almeno uno dei titoli di studio richiesti dal bando e cioè a: _____________________________________________________________________.
4) di essere in possesso di patente di guida in corso di validità della categoria D, non soggetta a provvedimenti di sospensione e con numero di punti_________, alla data della presente domanda, rilasciata da ______________________ il _________, avente n.__________________, e della relativa Carta di Qualificazione del Conducente per Categoria D rilasciata da ______________________ il ____________, avente n. ___________________

5) di essere iscritto nelle liste elettorali del Comune di ________________________________. In caso negativo precisare i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste stesse _____________________________________________________________________________________
____________________________________________________________________________________;

6) di non aver mai riportato condanne penali con sentenza passata in giudicato e di non avere procedimenti penali in corso. In caso affermativo dovranno essere dichiarate le condanne penali riportate (anche se sia stata concessa amnistia, condono, indulto o perdono giudiziale) con la specificazione del titolo del reato e dell’entità della pena principale e di quelle accessorie e dichiarati gli eventuali procedimenti penali in corso: ______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________;

7) di aver prestato servizio presso le seguenti Pubbliche Amministrazioni:
___________________________________________________(dal_________al__________)
a tempo indeterminato / determinato (3) – a tempo pieno / parziale (3)

___________________________________________________(dal_________al__________)
a tempo indeterminato / determinato (3) – a tempo pieno / parziale (3)

___________________________________________________(dal_________al__________)
a tempo indeterminato / determinato (3) – a tempo pieno / parziale (3)

___________________________________________________(dal_________al__________)
a tempo indeterminato / determinato (3) – a tempo pieno / parziale (3)

Ed eventuali cause di risoluzione del rapporto di pubblico impiego:
_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________;

8) di non aver riportato sanzioni disciplinari negli ultimi due anni precedenti la data di scadenza del presente bando e di non avere procedimenti disciplinari in corso [In caso affermativo dovranno essere dichiarate e specificate le sanzioni disciplinari riportate e dichiarati gli eventuali procedimenti disciplinari in corso] _____________________________________________________________________________
____________________________________________________________________________________;

9) di non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero dichiarato decaduto da altro impiego presso una Pubblica Amministrazione ai sensi dell’art. 127, comma 1, lettera d), del T.U. approvato con D.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3, per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati di invalidità non sanabile;

10) di possedere l’idoneità psicofisica attitudinale all’espletamento delle mansioni relative al posto da ricoprire;

11) di possedere i seguenti titoli di preferenza o precedenza: ______________________________________
____________________________________________________________________________________ (4)


12) Per i candidati maschi: di avere posizione regolare riguardo agli obblighi di leva;

13) di accettare incondizionatamente le norme contenute nel bando di concorso e quelle vigenti in materia di assunzioni a tempo indeterminato;

14) di avere ricevuto l’informativa sul trattamento e utilizzo dei dati personali di cui all’art. 13 del D.Lgs. 30/06/2003, n. 196 inserita all’interno del bando di concorso;

15) di consentire che i dati personali forniti siano raccolti presso il Comune di Penna San Giovanni per le finalità di gestione del pubblico concorso e trattati mediante utilizzo di archivi informatici e/o cartacei, anche successivamente alla conclusione della procedura concorsuale stessa, per le medesime finalità.

16) Per gli aspiranti portatori di handicap: di specificare il seguente ausilio necessario, in relazione al proprio handicap, nonché l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi, ai sensi dell’art. 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104:__________________________________________________________________;

_L_ scrivente chiede che le comunicazioni relative al pubblico concorso di cui trattasi, salvo che siano effettuate mediante avviso sul sito internet dell’Ente e salvo che il bando già preveda le relative modalità, siano indirizzate al seguente recapito, con l’impegno di rendere nota tempestivamente qualsiasi variazione di indirizzo riconoscendo che il Comune di Penna San Giovanni non assume nessuna responsabilità in caso di irreperibilità del destinatario:
____________________________________________________________________________________
(cognome e nome)
Comune di _______________________________ Provincia ________________ CAP _____________
Via ________________________________ n. __________ Telefono Fisso _______________________
Mobile ___________________________________ Fax ______________________________________
Indirizzo PEC _________________________ Indirizzo e-mail _______________________________

Con la sottoscrizione il candidato assume ogni responsabilità civile e penale relativa alle dichiarazioni non cancellate; pertanto sarà cura del candidato cancellare quanto non intenda dichiarare.
Allega alla presente:
a) Fotocopia di un documento di riconoscimento del dichiarante, in corso di validità;
b) Fotocopia di patente di guida in corso di validità della categoria D e della relativa carta di qualificazione del conducente (CQC);
c) Ricevuta del versamento comprovante l’avvenuto pagamento della somma di € 10,00 quale “Tassa di Concorso”;
d) Nel caso in cui il titolo di studio sia conseguito all’estero: originale o copia autenticata di idonea documentazione, rilasciata dall’Autorità competente, attestante l’equipollenza ad almeno uno dei diplomi italiani legalmente riconosciuti (D.Lgs. 16/04/1994, n. 297 – art. 379);
e) Eventuale documentazione attestante il possesso di titoli di preferenza quando ad essi sia stato fatto riferimento nella domanda.

Luogo e Data:______________________

In fede (FIRMA leggibile per esteso)

___________________________


Ai sensi dell’art. 39 del D.P.R. n. 445/2000 non è richiesta l’autenticazione della firma ma è necessario allegare fotocopia leggibile di documento di riconoscimento, in corso di validità. La mancata apposizione della firma è causa di esclusione.

NOTE

1) Indicare la denominazione specifica del diploma conseguito, la denominazione dell’Istituto scolastico (pubblico o legalmente riconosciuto) che lo ha rilasciato e la relativa sede.
2) Se il titolo di studio è stato conseguito all’estero, il candidato deve specificare di essere in possesso della dichiarazione, rilasciata dall’Autorità competente, che tale titolo è riconosciuto equipollente ad almeno uno dei titoli di studio richiesti dal bando. Il candidato deve altresì indicare la denominazione specifica dell’Autorità e la relativa sede, numero e data del provvedimento che dichiara l’equipollenza e il titolo di studio italiano al quale quello straniero è dichiarato equipollente.
3) Cancellare l’ipotesi che non ricorre.
4) Indicare l’eventuale possesso di titoli, attestanti il diritto al preferenza, riportando, in relazione all’ipotesi in cui versa il candidato, la denominazione indicata nell’ALLEGATO 2) al bando di concorso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ALLEGATO 2)
TITOLI DI PREFERENZA

(art. 5, commi 4 e 5, del D.P.R. n. 09/05/1994, n. 487 e successive modifiche ed integrazioni: art. 3, comma 7, della Legge 15/05/1997, n. 127, così come modificato dall’art. 2, comma 9, della Legge 16/06/1998, n. 191). – Art. 47 del vigente “Regolamento comunale di assunzione agli impieghi, ai requisiti di accesso e alle procedure concorsuali”.

“4. Le categorie di cittadini che nei pubblici concorsi hanno preferenza a parità di merito e a parità di titoli sono appresso elencate. A parità di merito i titoli di preferenza sono:
1) gli insigniti di medaglia al valor militare;
2) i mutilati ed invalidi di guerra ex combattenti;
3) i mutilati ed invalidi per fatto di guerra;
4) i mutilati ed invalidi per servizio nel settore pubblico e privato;
5) gli orfani di guerra;
6) gli orfani dei caduti per fatto di guerra;
7) gli orfani dei caduti per servizio nel settore pubblico e privato;
8) i feriti in combattimento;
9) gli insigniti di croce di guerra o di altra attestazione speciale di merito di guerra, nonché i capi di famiglia numerosa;
10) i figli dei mutilati e degli invalidi di guerra ex combattenti;
11) i figli dei mutilati e degli invalidi per fatto di guerra;
12) i figli dei mutilati e degli invalidi per servizio nel settore pubblico e privato;
13) i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti di guerra;
14) i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per fatto di guerra;
15) i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per servizio nel settore pubblico o privato;
16) coloro che abbiano prestato servizio militare come combattenti;
17) coloro che abbiano prestato lodevole servizio a qualunque titolo, per non meno di un anno nell'amministrazione che ha indetto il concorso;
18) i coniugati e i non coniugati con riguardo al numero dei figli a carico (N.B. Specificare il numero dei figli a carico; si intendono a carico secondo le leggi fiscali vigenti);
19) gli invalidi ed i mutilati civili;
20) militari volontari delle Forze armate congedati senza demerito al termine della ferma o rafferma. (N.B. L’assenza di demerito deve essere documentata)”

 

“5. A parità di merito e di titoli la preferenza è determinata:
a) dal numero dei figli a carico, indipendentemente dal fatto che il candidato sia coniugato o meno (N.B. specificare il numero dei figli a carico; si intendono a carico secondo le leggi fiscali vigenti);
b) dall’aver prestato lodevole servizio nelle amministrazioni pubbliche (N.B. Il lodevole deve essere documentato);
c) dalla minore età.”


Info : Comune di Penna San Giovanni (MC)
 Ragioneria - Tributi - Servizi sociali
Telefono: +39 0733 669 119 - 0733 699 177
Fax: +39 0733 669 514
Indirizzo: P.zza Municipio, 2
E-mail: ragioneria@pennasangiovanni.sinp.net

Inserito il 16/03/2012 nella categoria lavoro

 

Tag : penna san giovanni  macerata  concorso


Notizia letta 442747 volte

Leggi le altre news della categoria lavoro

 

Invia la info ad un amico

 


Tutte le news Home Page  

 

B&B Oasi Verde Teramo 328/7571555

CERCA PER PROVINCIA

Menu ricerche

 

 

 

 


LE PAROLE PIU' CERCATE OGGI SU GOOGLE :

 Scarpe, calzature, tacchificio

Calzature da UOMO , da DONNA , da BAMBINI

Concessionari auto Ancona ,

automobili usate Marche

 

 

 
 

  Nuova pagina 1

ULTIME AZIENDE INSERITE SETTORE PRODUZIONE

Brancorsini

Labirinto Cooperativa Sociale

Lucarini e Partners

Elisabet srl

AT METALLI SRL

A TLC SRL

Bikers sas di Frontoni

EVENTIQUE Silvia Carducci

B.L. COSTRUZIONI Srl

ATHENA NIKE

  Nuova pagina 1

  Nuova pagina 1

  Nuova pagina 1

La Cantina del Mese

La cantina selezionata nel mese corrente e' Fattoria "Villa Ligi" di F.Tonelli .

Nella provincia di Pesaro Urbino e precisamente a Pergola in Via Zoccolanti 25/A, questa azienda conta importanti riconoscimenti a livello nazionale. La filosofia dell'azienda e'  "Crediamo profondamente nelle virtù di un vino, capace di raccontare con estrema sincerità le caratteristiche di un territorio. Vino è sinonimo di arte; arte come mezzo di comunicazione di tipicità e tradizione capace di far sognare e suscitare ricordi.

Questi valori ci accompagnano da tanto tempo, di generazione in generazione, in questo antico mestiere che per caratteristiche intrinseche non abbandoneremo mai. La nostra attività vitivinicola, oramai quasi centenaria, è contraddistinta da un attaccamento inscindibile alla tradizione ed in tempi ultimi all’innovazione, necessaria per ottenere il massimo, ricercando il perfetto equilibrio tra gusto e colore, tra bouquet e retrogusto.

La nostra realtà agricola percorre costantemente e ciclicamente ogni anno gli stessi eventi che puntualmente ci coinvolgono sensibilizzandoci ogni giorno di più verso il prodotto finale, il nostro vino, attraverso la passione per il territorio, la natura, le persone che ci accompagnano. E’ un processo che non richiede tempi lunghi né brevi, ma tempi naturali, quelli necessari per ottenere un lavoro ben fatto.

E’ con tale dedizione e passione che ci rivolgiamo a quanti condividono il nostro pensiero, il nostro vino, per condividere attimi unici ricavati da piccoli gesti come quello di sorseggiarlo in un calice."

- ..... LEGGI TUTTO

 

 

  menu generale | etc | ect

NavBar

Tutti i loghi e marchi della categoria sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori

HOMEAZIENDE  a Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoHOTEL  a  Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoRISTORANTI  a  Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoAGRITURISMI a Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro Urbino | PROFESSIONISTI  |  VINI e CANTINE | AGRITURISMI | CONCESSIONARIE AUTO A ANCONA | CONCESSIONARIE AUTO A ASCOLI PICENO | CONCESSIONARIE AUTO A FERMO | CONCESSIONARIE AUTO A MACERATA | CONCESSIONARIE AUTO A PESARO URBINOEVENTI | SCRIVI A PORTALE MARCHE