Oggi è il: 27/01/2021 - Sono le ore: 00:43:14 

  IN EVIDENZA

MENU PORTALE Menu ricerche

 

 

Le altre news - sezioni Eventi e Gastronomia

Pasquale De Antonis ai Musei Civici di Palazzo Mosca di Pesaro

 

Aperitif sur l'herbe a Urbino

 

Con il tempo: opere dagli Sessanta al Duemila presso la Sala del Capitano di Candelara

 

Enrico Rava apre la XIX edizione del Premio Internazionale Massimo Urbani

 

A Castelraimondo ventitreesima edizione dell'Infiorata Corpus Domini

 

CandelarArte caffe' 2015

 

A Pesaro Buongiorno Ceramica

 

A Treia si adottano i combattenti della Grande Guerra

 

Moni Ovadia, Michele Placido ed Erri de Luca e Nicky Nicolai a Recanati

 

A Jesi Bellezza - Mostra fotografica di Roberto Recanatesi

 

Luca Cognolato alle foglie d'oro di Pesaro per Adotta l'autore

 

Le nostre mani: il dialogo con la materia di Giancarlo Cesarini al castello di Candelara

 

Gherardo Cibo, dilettante di botanica e pittore di paesi ed altri appuntamenti a Pesaro

 

Percorso tra le pagine dei libri con Luigi Dal Cin

 

giornata internazionale Unesco del jazz a San Benedetto del Tronto

 

La linea gotica - 1944 - 2014 i ricordi di un bimbo di 12 anni di Terenzio Pedini

 

Letture a Palazzo Mosca, secondo appuntamento

 

Chiara Samugheo in mostra a Recanati

 

Paolo Gubinelli alla Palazzina Azzurra con Carte incise per Eugenio De Signoribus

 

Europe Direct Marche

 

 

I NUMERI DI PORTALEMARCHE

IL PORTALE DELLE AZIENDE DELLE MARCHE

Aziende

Professionisti

Ristorazione

Hotel Vini&Cantine

  Nuova pagina 1

2684

  OGGI SONO PRESENTI IN ARCHIVIO

2239

  Nuova pagina 1

1376

  Nuova pagina 1

781

cantine

89

Popsophia 2014, tutto il programma dal 2 al 6 luglio 2014

Popsophia 2014POPSOPHIA 2014
Nostalgia del presente - dal 2 al 6 luglio, Rocca Costanza, Pesaro
Pesaro ospita la IV edizione di Popsophia, Filosofia del Contemporaneo. Rocca Costanza, dal 2 al 6 luglio, ospita mostre, dibattiti e spettacoli. Il tema 'Nostalgia del presente’ viene declinato dai maggiori protagonisti italiani e stranieri del pensiero critico. Fra gli ospiti: Umberto Curi, Laurent de Sutter, Diego Fusaro, Enrico Ghezzi, Giulio Giorello, Giacomo Marramao, Luca Mastrantonio, Salvatore Natoli, Paolo Pagliaro, Massimo Recalcati, Simone Regazzoni, Peter Szendy, Nicla Vassallo.

la sfida culturale
Pesaro è la città della pop filosofia in Italia. Dopo il successo della passata edizione, la cittadina della riviera è di nuovo pronta a ospitare la quarta edizione di Popsophia, Filosofia del Contemporaneo.
Il comune di Pesaro, la provincia di Pesaro e Urbino, la Regione Marche, la Camera di Commercio di Pesaro e Urbino e il partner Banca dell’Adriatico hanno confermato il loro sostegno alla manifestazione e nel 2014 si rinnova la sfida culturale a Rocca Costanza.
Una cinque giorni, dal 2 al 6 luglio, dove la filosofia indaga il Pop e il Pop racconta la filosofia. Attraverso la voce di filosofi, artisti e giornalisti, Pesaro diventa il laboratorio creativo della cultura contemporanea tra mostre, spettacoli, dibattiti e performance. In una guerra senza quartiere alla gerarchia culturale, la filosofia si contamina con le forme “pop” della musica, del cinema, della fiction, dello sport, della televisione, dei social media. 13 rassegne, 90 ospiti, 65 appuntamenti, 12 concerti e 8 mostre, un solo tema: Nostalgia del presente.
Gli ospiti del festival saranno chiamati a rispondere nelle cinque giornate di Pesaro alle domande che scaturiscono dall’ossimoro di Borges.
Per la rassegna Diatribe delle 18.30 i maggiori filosofi italiani si mettono in gioco proponendo interpretazioni diverse dell’ossimoro “nostalgia del presente”. Allontanandosi dalle consuete rassegne di presentazioni di libri e dalle passerelle di personaggi su argomenti casuali, la Popsophia si conferma un genere. Il cortile di Rocca Costanza diventa luogo di scontro tra punti di vista eterogenei e accesa polemica come nell’agorà filosofica della diatriba cinica. Incroceranno le armi filosofiche Massimo Recalcati, Umberto Curi, Diego Fusaro, Simone Regazzoni, Massimo Donà, Giulio Giorello, Giacomo Marramao, Roberto Esposito, Remo Bodei e Sergio Givone.
Alle 21.30, la Nostalgia del Presente si traduce in note musicali e lo spettacolo si unisce alla riflessione filosofica. Durante le Popsoirée Il tema sarà declinato compiutamente da quei contenitori di nostalgia che sono le canzonette, veri e propri tormentoni dell’epica contemporanea che ne esprimono ansie e desideri. “Sono convinto che se alla fine della nostra vita ci fosse consentito di dire qualcosa, canteremmo una canzonetta, come riassunto di tutta un’esistenza” dice Federico Fellini. E con questa sconsolata confessione ci indica il percorso che il festival vuole intraprendere, una sfida evidenziata quest’anno dalla scelta di cinque appuntamenti musicali che dimostrano come il pensiero contemporaneo sia costretto a imboccare un genere pop escluso e disprezzato dalla riflessione accademica ufficiale.
Pesaro diventa laboratorio che sperimenta le potenzialità della pop filosofia su un materiale considerato culturalmente minore e lo fa con ospiti d’eccezione – da Salvatore Natoli a Nicla Vassallo, da Marcello Veneziani ad Antonio Gnoli – con montaggi video, musica dal vivo, letture sceniche pensati per quest’appuntamento a cui si aggiungeranno gli spettacoli musicali della Compagnia di Musicultura di Piero Cesanelli.
Alle 19.00 e alle 22.00, la cittadella sotterranea, luogo magico e suggestivo che conserva il misticismo del non svelato, sarà scenario in cui la pop-filosofia interroga la nostalgia della società di massa. Spunti di riflessione inediti interpretano i miti contemporanei - dal cinema alla fotografia, dalla televisione ai social network - che alimentano la nostalgia e che ammala il presente. Spazio quindi alla ricerca, alla contaminazione più estrema e a tutto ciò che è intellettualmente proibito. Interverranno tra gli altri: Monia Andreani, Tommaso Ariemma, Claudia Attimonelli, Remo Bodei, Gianluca Briguglia, Cesare Catà, Laurent De Sutter, Adriano Fabris, Marco Filoni, Francesca Gallarani, Davide Grossi, Armando Massarenti, Luca Mastrantonio, Lella Mazzoli, Emiliano Morreale, Corrado Ocone, Debora Paparella, Salvatore Patriarca, Rocco Ronchi, Vincenzo Susca, Peter Szendy, Luca Taddio, Giorgio Zanchini.

IL PROGRAMMA
La Rocca
La cittadella della ricerca popfilosofica è Rocca Costanza, costruita da Costanzo Sforza fra il 1474 e il 1483 su progetto di Luciano Laurana. Con le sue raffinate simmetrie e sezioni auree, è una vera e propria sfida filosofica, luogo ideale per la Popsophia. Simbologia fortissima quella che se ne ricava: da architettura militare difensiva, a penitenziario, sino a luogo libero per eccellenza di riflessione filosofica.
La Rocca offrirà i suoi luoghi interni - il cortile con il suo loggiato, e gli spazi sotterranei, che quest’anno ospiteranno un florilegio di conferenze e mostre di video-arte in ambienti aperti al pubblico per la prima volta - a quella che si propone come la sfida culturale dell’estate italiana.

I tempi del Festival
La Rocca prende vita ogni giorno alle 17.00 e saluta tutti per la buonanotte dopo la mezzanotte. Gli appuntamenti si divideranno nei due mondi, il cortile e i sotterranei che viaggeranno in contemporanea.
Il cortile, dove si svolgeranno stabilmente, dal 2 al 6 luglio, due grandi appuntamenti filosofici: alle 18.30 la rassegna Diatribe con coppie di filosofi che si sfidano sul tema del festival e alle 21.30 la PopSoirée, cinque spettacoli inediti che raccontano la Nostalgia del Presente attraverso la filosofia della canzonetta, vero e proprio mito contemporaneo. Il tutto intervallato, alle ore 20.00, da inediti concerti jazz accompagnati da citazioni su forme di nostalgia provenienti da cinque paesi diversi, per poi chiudere la serata alle 23.30 con le pillole video filosofiche di Popcorto.
I sotterranei luogo misterioso e tutto da scoprire. Qui è di casa Popism, rassegna in doppio orario, alle 19 e alle 22, che sfida con il pensiero critico tutti i fenomeni della società di massa; alle 22.30 Philofiction, un ciclo di appuntamenti dedicati alla filosofia delle serie tv; le giornate si chiuderanno alle 23.00 con la rassegna Fuori Orario, visioni cinematografiche curata da Umberto Curi ed Enrico Ghezzi. Intorno si sviluppa una città sommersa di concerti, degustazioni, laboratori filosofici per bambini, paesaggi sonori, percorsi video e mostre fotografiche.

LE altre rassegne POPFILOSOFICHE
Il Punto
Alle 21.30 nel cortile della Rocca il giornalista di La7, autore delle pillole di riflessione di Otto e mezzo, dà un contributo introduttivo alla serata. La riflessione filosofica di Paolo Pagliaro offre al pubblico originali spunti di indagine condensati in pochi aforismi.
Philofiction
Alle ore 22.30 le serie tv più amate dal pubblico raccontano la Nostalgia del Presente. La narrazione seriale rappresenta la controstoria del presente mischiando memoria, realtà, desideri e aspettative contemporanee.
Jazzismi
Alle ore 20.00 nel cortile della Rocca un viaggio sulle note del migliore jazz del Novecento – a cura di Michele Donati - accompagnato da citazioni nostalgiche provenienti da cinque paesi diversi. Lo struggimento filtrato dalle improvvisazioni dei jazzisti descrive il mondo in frammenti su cui cammina il viandante contemporaneo.
Bachiana
Alle ore 17.30 piccole conversazioni musicali alla ricerca del Bach perduto. L’avvincente vicenda del quaderno di Gottfried Heinrich Bach, un’opera mai esistita che passa di mano in mano a illustri musicisti e attraversa secoli e continenti per giungere sino ai giorni nostri. Con la voce recitante di Alessandra Giardina, il clavicembalo di Giovannimaria Perrucci, la chitarra di Giorgio Santi.
Fuori Orario
La giornata dei sotterranei si chiude alle ore 23.00 con una scatola ribelle di immagini cinematografiche condotta dal filosofo Umberto Curi e dal critico cinematografico Enrico Ghezzi. Una sorta di singolare sovraffollamento di immagini nella "società dell'informazione" sul tema della nostalgia del presente.
PopCorto
Alle ore 23.30 lo schermo del cortile si accende con una visione notturna che accompagna la chiusura delle giornate del festival. Attraverso frammenti tratti della nostra memoria catodica – dalle pubblicità ai videoclip musicali, dalle sigle dei programmi televisivi alle fiction più seguite – si configurano cinque sfumature del tema 2014.

BAMBINI E RAGAZZI
In barba al filosofo
Il laboratorio – che si svolge ogni giorno alle ore 18.00 – è rivolto a bambini dai 6 agli 11 anni. La “filosofiacoibambini” è una pratica educativa originale che vuole sviluppare forme autentiche di conoscenza e pensiero (idee, parole, concetti, sentimenti, emozioni) e mettere in moto il meccanismo immaginativo e conoscitivo.
ArtLab
Ispirandosi alla mostra curata da Ludovico Pratesi, Ittico - il dipartimento educazione della Fondazione Pescheria - propone un laboratorio creativo destinato a bambini e ragazzi ogni giorno alle ore 19.00 sulle nostalgie personali di luoghi, persone, tempi, azioni o emozioni, che sospese nel tempo, ridiventano presenti.


GLI STUDENTI
Click! Istantanee della nostalgia
Mercoledì 2 luglio, alle 21.30, ci sarà la premiazione del concorso fotografico che nasce dalla collaborazione tra “Popsophia” e le scuole del territorio. I ragazzi - coordinati dall’Ufficio Scolastico Provinciale, dalla dirigente Carla Sagretti e dai suoi collaboratori - hanno partecipato con entusiasmo al concorso “Fotografare la Nostalgia del presente” immortalando in una foto e in una riflessione la loro interpretazione del tema del festival.
Welcome to Sarajevo
Gli studenti del Liceo Classico Mamiani – dal giovedì alla domenica alle ore 17.00 – ricreano l’atmosfera di un autentico “Caffè Sarajevo” misurandosi con la nostalgia balcanica di chi – tra struggimento e leggerezza – non rinuncia a vivere il presente anche in tempi impossibili. Immagini, suoni e riflessioni accompagnate dalla degustazione di Cose di tè di Elvira De Bellis.

Mostre
Popsophia quest’anno decide di declinare il tema anche con la forza dell’arte figurativa con una mostra di capolavori del Novecento allestita per i Musei Civici di Pesaro aperta da giugno a settembre.
Memoria del presente
La mostra - pensata dal critico Stefano Cecchetto, per i Musei Civici di Pesaro - si svolge da giungo a ottobre. E’ resa possibile dalla collaborazione e dalla disponibilità della Fondazione Cassa di risparmio della provincia di Macerata che ha generosamente prestato per l'occasione alcune delle più importanti opere della preziosa collezione di palazzo Ricci.
Memoria del presente racconta un secolo “impetuoso”, in pieno movimento, stravolto da due conflitti mondiali e che nell'arte trova il luogo ideale per esprimere tutte le sue vicissitudini.
L'allestimento, che Popsophia e Pesaromusei hanno preparato a palazzo Mosca di Pesaro, racchiude in sé la sostanza stessa del “secolo breve”: dalle Muse inquietanti di Giorgio De Chirico alla Fucilazione di Ernesto Treccani, dal Paesaggio di Osvaldo Licini al Concetto spaziale di Lucio Fontana. È il Novecento, il tempo dell'essenza, che Pesaro quest'estate omaggia con un grande allestimento di rilevanza internazionale.
Tra Storia e Memoria
a cura di Ludovico Pratesi
in collaborazione con la Fondazione Pescheria
Sei opere video, nei sotterranei della Rocca, interpretano la Nostalgia del Presente come condizione esistenziale e come rêverie sul passato. Gian Maria Tosatti documenta lo stato di abbandono del primo ufficio anagrafico d’Italia; Rossella Biscotti visita l’antico carcere di Ventotene, dove venne rinchiuso Sandro Pertini; Patrizio Di Massimo ricorda l’occupazione italiana in Libia; Marzia Migliora riporta l’indecisione del tuffatore prima di gettarsi dal trampolino; Adrian Paci illustra la condizione degli immigrati extracomunitari in Italia e Luigi Presicce riflette sul significato del rituale come momento di iniziazione ad una maggiore consapevolezza del presente.
Tunnel della memoria
a cura di Macula
Nei sotterranei prende vita una Pesaro nuova e antica, una città sospesa tra immaginazione e realtà. Un paesaggio sonoro e sensoriale, grazie al progetto di Francesco Lampredi, che interagisce con la memoria dello spettatore. Alla fine, sarà possibile autoritrarsi, grazie a un set fotografico appositamente allestito. La città si proietta nel futuro grazie ai visitatori stessi, che coi loro autoritratti-luoghi diventano i protagonisti dell’installazione.
Grani di Sabbia
a cura di Centrale Fotografia
Dieci opere realizzate da artisti africani - frutto di un laboratorio tenuto dall’artista Carlo Cecconi in Kenya - raccontano la Nostalgia del Presente. Gli artisti africani hanno illustrato le loro sofferenze e inquietudini, non riferite al tempo frenetico della nostra contemporaneità, ma connesso a eventi naturali, luoghi e affetti personali. Assieme a queste opere sarà esposta Ninakutafuta, una grande maschera africana fatta con tessuti tipici.
Ecco, è ora… illustrazioni, fumetti, animazioni
a cura del Liceo Artistico Scuola del Libro di Urbino
Gli studenti del Corso di Perfezionamento di Disegno Animato e Fumetto esprimono la Nostalgia del Presente attraverso illustrazioni, fumetti e animazioni. In mostra le immagini di sentimenti individuali che con autorevole umanità Goffredo Fofi definisce così: “La poesia nei disegnatori della Scuola del Libro di Urbino è umile e leggera, mai rozza e pesante anche quando spaventata”.
Click!
a cura dell’Ufficio Scolastico Provinciale
La mostra curata dalla fotografa Giorgia Biancini raccoglie i risultati della collaborazione tra Popsophia e le scuole della provincia. Gli studenti delle scuole medie e superiori hanno partecipato con entusiasmo al concorso “Fotografare la Nostalgia del Presente” immortalando in una foto e in una riflessione la loro interpretazione del tema del festival.
Le rovine circolari
a cura dell’Accademia di Belle Arti di Macerata
Video-installazione liberamente tratta dal racconto “Le Rovine Circolari” di Borges. L'atmosfera di una prigione che racchiude il frutto dei sogni e dell'immaginazione, relegando questo frutto, il Golem, all'interno del sogno stesso. Il Fuoco rappresenta la barriera invalicabile tra la fantasia e la realtà. Il Golem incarna la nostalgia e la frustrazione di una vita che non ha mai potuto vivere al di fuori della prigione di fantasia in cui è nato.


Popsophia  Segreteria: - info@popsophia.it

Inserito il 14/06/2014 nella categoria Cultura

 

Tag : POPSOPHIA  pesaro  pop filosofia


Notizia letta 443100 volte

Leggi le altre news della categoria Cultura

 

Invia la info ad un amico

 


Tutte le news Home Page  

 

B&B Oasi Verde Teramo 328/7571555

CERCA PER PROVINCIA

Menu ricerche

 

 

 

 


LE PAROLE PIU' CERCATE OGGI SU GOOGLE :

 Scarpe, calzature, tacchificio

Calzature da UOMO , da DONNA , da BAMBINI

Concessionari auto Ancona ,

automobili usate Marche

 

 

 
 

  Nuova pagina 1

ULTIME AZIENDE INSERITE SETTORE PRODUZIONE

Brancorsini

Labirinto Cooperativa Sociale

Lucarini e Partners

Elisabet srl

AT METALLI SRL

A TLC SRL

Bikers sas di Frontoni

EVENTIQUE Silvia Carducci

B.L. COSTRUZIONI Srl

ATHENA NIKE

  Nuova pagina 1

  Nuova pagina 1

  Nuova pagina 1

La Cantina del Mese

La cantina selezionata nel mese corrente e' Fattoria "Villa Ligi" di F.Tonelli .

Nella provincia di Pesaro Urbino e precisamente a Pergola in Via Zoccolanti 25/A, questa azienda conta importanti riconoscimenti a livello nazionale. La filosofia dell'azienda e'  "Crediamo profondamente nelle virtù di un vino, capace di raccontare con estrema sincerità le caratteristiche di un territorio. Vino è sinonimo di arte; arte come mezzo di comunicazione di tipicità e tradizione capace di far sognare e suscitare ricordi.

Questi valori ci accompagnano da tanto tempo, di generazione in generazione, in questo antico mestiere che per caratteristiche intrinseche non abbandoneremo mai. La nostra attività vitivinicola, oramai quasi centenaria, è contraddistinta da un attaccamento inscindibile alla tradizione ed in tempi ultimi all’innovazione, necessaria per ottenere il massimo, ricercando il perfetto equilibrio tra gusto e colore, tra bouquet e retrogusto.

La nostra realtà agricola percorre costantemente e ciclicamente ogni anno gli stessi eventi che puntualmente ci coinvolgono sensibilizzandoci ogni giorno di più verso il prodotto finale, il nostro vino, attraverso la passione per il territorio, la natura, le persone che ci accompagnano. E’ un processo che non richiede tempi lunghi né brevi, ma tempi naturali, quelli necessari per ottenere un lavoro ben fatto.

E’ con tale dedizione e passione che ci rivolgiamo a quanti condividono il nostro pensiero, il nostro vino, per condividere attimi unici ricavati da piccoli gesti come quello di sorseggiarlo in un calice."

- ..... LEGGI TUTTO

 

 

  menu generale | etc | ect

NavBar

Tutti i loghi e marchi della categoria sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori

HOMEAZIENDE  a Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoHOTEL  a  Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoRISTORANTI  a  Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoAGRITURISMI a Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro Urbino | PROFESSIONISTI  |  VINI e CANTINE | AGRITURISMI | CONCESSIONARIE AUTO A ANCONA | CONCESSIONARIE AUTO A ASCOLI PICENO | CONCESSIONARIE AUTO A FERMO | CONCESSIONARIE AUTO A MACERATA | CONCESSIONARIE AUTO A PESARO URBINOEVENTI | SCRIVI A PORTALE MARCHE