Oggi è il: 24/01/2021 - Sono le ore: 03:55:58 

  IN EVIDENZA

MENU PORTALE Menu ricerche

 

 

Le altre news - sezioni Eventi e Gastronomia

Pasquale De Antonis ai Musei Civici di Palazzo Mosca di Pesaro

 

Aperitif sur l'herbe a Urbino

 

Con il tempo: opere dagli Sessanta al Duemila presso la Sala del Capitano di Candelara

 

Enrico Rava apre la XIX edizione del Premio Internazionale Massimo Urbani

 

A Castelraimondo ventitreesima edizione dell'Infiorata Corpus Domini

 

CandelarArte caffe' 2015

 

A Pesaro Buongiorno Ceramica

 

A Treia si adottano i combattenti della Grande Guerra

 

Moni Ovadia, Michele Placido ed Erri de Luca e Nicky Nicolai a Recanati

 

A Jesi Bellezza - Mostra fotografica di Roberto Recanatesi

 

Luca Cognolato alle foglie d'oro di Pesaro per Adotta l'autore

 

Le nostre mani: il dialogo con la materia di Giancarlo Cesarini al castello di Candelara

 

Gherardo Cibo, dilettante di botanica e pittore di paesi ed altri appuntamenti a Pesaro

 

Percorso tra le pagine dei libri con Luigi Dal Cin

 

giornata internazionale Unesco del jazz a San Benedetto del Tronto

 

La linea gotica - 1944 - 2014 i ricordi di un bimbo di 12 anni di Terenzio Pedini

 

Letture a Palazzo Mosca, secondo appuntamento

 

Chiara Samugheo in mostra a Recanati

 

Paolo Gubinelli alla Palazzina Azzurra con Carte incise per Eugenio De Signoribus

 

Europe Direct Marche

 

 

I NUMERI DI PORTALEMARCHE

IL PORTALE DELLE AZIENDE DELLE MARCHE

Aziende

Professionisti

Ristorazione

Hotel Vini&Cantine

  Nuova pagina 1

2684

  OGGI SONO PRESENTI IN ARCHIVIO

2239

  Nuova pagina 1

1376

  Nuova pagina 1

781

cantine

89

Simona-Pittau-intervistata-da-Alessia-Mocci-Parte-I

Giovani Talenti: Intervista di Alessia Mocci alla musicista classica Simona Pittau - prima parte

Che cos’è il talento?
Semplicemente: il talento è l'inclinazione naturale di una persona a far bene una certa attività.
Una certa attività per l’appunto. Simona Pittau (1985) è un esempio di talento musicale.
Simona entra nel mondo della musica da piccolissima, e già a sei anni decide lo strumento madre della sua carriera: il flauto. Un vero e proprio tuffo nella musica classica. Attualmente Simona collabora con orchestre italiane quali il Teatro Lirico di Cagliari ed il Teatro alla Scala di Milano.

L’intervista è stata divisa in due parti, questa prima si interroga in generale sulla vita di Simona e sulla nascita della sua passione (“C’è chi scrive la musica ma serve anche qualcuno che la sappia interpretare.”), la seconda parte invece mostra i suoi splendidi risultati.
Consiglia nella lettura l’ascolto di Sinfonia n.2 di Sibelius.

A.M.: Quando hai iniziato ad amare la musica?

Simona Pittau: Direi da sempre, e grazie alla mia famiglia ho avuto l’opportunità di entrare in contatto con il mondo musicale fin da giovanissima. Mio padre è molto affascinato dalla musica e dagli strumenti, quindi è stato lui a farci avvicinare a questa realtà e così iscrisse me e mio fratello ai corsi della banda del paese. Per me era un gioco, era qualcosa di divertente, un mezzo con cui stare bene con gli altri e scambiare emozioni diverse. Quando ho capito che dovevo solo scegliere se farne parte o no, a quel punto ho iniziato ad amarla ancora di più tuffandomi totalmente nel mondo dei suoni.

A.M.: Sin dalle tue prime lezioni hai compreso il calibro delle note nella tua vita?
Simona Pittau: Per alcuni anni ( da bambina molto piccola, 4- 5 anni) ho solo studiato la teoria della musica, quindi non sempre era facile esserne affascinati. Poi mi chiesero che strumento avrei voluto suonare. In quel periodo la domenica mattina alla Tv davano dei concerti di orchestre numerosissime, ed a me piaceva tanto ascoltarle ed osservare gli strumenti, il mio preferito era il flauto. Iniziai le prime lezioni di flauto a 6 anni, per me era come un nuovo gioco ma capii subito che richiedeva uno studio assiduo. Quando iniziai a suonare con le “bande musicali” nel mio paese ed anche in altri paesi limitrofi, compresi che suonare in gruppo era una emozione impagabile, e credo che fu a questo punto che decisi di voler affrontare più seriamente lo studio del flauto. Frequentai il conservatorio a Cagliari, e qui si aprì per me un mondo ancora diverso. Entrai in contatto con il mondo della musica classica, e fui affascinata da qualcosa di ancora più profondo ed emozionale, un’arte bellissima.

A.M.: Per una giovanissima è una scelta rara dedicarsi alla musica classica. Perché questa predilezione?

Simona Pittau: Per tantissimo tempo non sono stata una grande ascoltatrice di musica classica, ed anche tutt’ora devo ammettere che ascolto diversissimi generi di musica e mi piace tutta. Ma la musica classica ha per me qualcosa di speciale. Mi emoziona in modo diverso dalle altre musiche, mi fa piangere dall’emozione. La musica classica è così complessa e ricca di elementi diversi tra loro: perfezione tecnica ed interpretazione, genio compositivo, simbolismo, storia e periodi storici, mode e correnti filosofiche, che racchiude in sé i più svariati sentimenti dell’animo umano. Ho suonato e collaborato con complessi musicali diversi, ho anche inciso dei Cd di musica leggera, ma quando faccio musica classica il coinvolgimento per me è molto più profondo. Fare un concerto in orchestra e suonare Brahms è fare un viaggio introspettivo, ascoltare musica classica è deliziare le mie orecchie ed i miei pensieri.

A.M.: La musica ti ha aperto molte strade soprattutto al di fuori della Sardegna. Qual è l’esperienza estera che ricordi con maggior orgoglio?

Simona Pittau: Sicuramente la mia collaborazione con l’orchestra di Claudio Abbado la “Gustav Mahler Jugend Orchester”. È un’ orchestra giovanile europea composta da 120 ragazzi dai 17 ai 26 anni che due volte all’anno gira per le sale più prestigiose dell’Europa con direttori e solisti di fama mondiale. Non voglio menzionare questa orchestra solo a riguardo del suo alto livello artistico, ma la parte più incredibile di questa esperienza è aver condiviso con miei coetanei provenienti da tutta Europa, emozioni indimenticabili. Lingue, culture, idee, si incontrano con lo scopo di raggiungere degli obiettivi che si traducono in musica.
Ricordo la prima volta che ho suonato alla Royal Albert Hall a Londra era l’ultimo concerto del Summer Tour 2008, eravamo in viaggio da un mese e più . Ormai la musica la conoscevamo a memoria, ed anche se “diversi” eravamo complici della stessa intenzione musicale, avevamo raggiunto lo stesso scopo. La prova? Le lacrime di tutti noi durante l’ultimo tempo della Sinfonia n.2 di Sibelius, riusciva difficile soffiare ancora e far uscire bei suoni ma al pubblico è arrivata sicuramente la carica ed il carisma di noi giovani.

A.M.: Essere un esecutrice. Essere una compositrice. Quali sono le sostanziali differenze? Perché seguire la strada dell’esecuzione?

Simona Pittau: Quando iniziai a studiare la musica pensai subito che la parte successiva dei miei studi sarebbe stata iniziare a comporre dei pezzi, infatti da bambina giocavo spesso a inventare delle musiche. Poi quando inizia a studiare il flauto, l’approccio alla musica cambiò. In primo piano c’era riuscire a far suonare bene uno strumento, che all’epoca era troppo lungo e pesante per le mie piccole braccia. Dopo il conservatorio mi trovai spiazzata e senza una vera strada da seguire; avevo sempre l’idea di andare all’estero a studiare e fare una scuola d’arte. Cosi, mentre frequentavo il primo anno di università mi resi conto che potevo decidere io che fare della mia vita: frequentavo il corso di ingegneria a Cagliari e con un diploma di flauto in tasca iniziavo a girare il mondo suonando. Entrai al Koninklijk Conservatorium di Den Haag in Olanda, potevo scegliere qualsiasi corso di musica ad un altissimo livello professionale ed artistico. Studiare uno strumento e comporre sono due cose diverse, poi ovviamente dipende dalle doti di ciascuno, infatti i più grandi compositori erano anche eccellenti suonatori. Io sento di dover imparare ancora dal flauto e voglio approfondire la sfera interpretativa, il mio studio attualmente è centrato su come comunicare in modi ancora più sottili attraverso l’esecuzione musicale. C’è chi scrive la musica ma serve anche qualcuno che la sappia interpretare.

Vi lascio qualche link per rintracciare Simona:
http://www.facebook.com/profile.php?id=1256741732
http://www.youtube.com/watch?v=uXyDcvdJg1k

Inserito il 25/10/2010 nella categoria Cultura

 

Tag : Alessia Mocci  Simona Pittau 


Notizia letta 442755 volte

Leggi le altre news della categoria Cultura

 

Invia la info ad un amico

 


Tutte le news Home Page  

 

B&B Oasi Verde Teramo 328/7571555

CERCA PER PROVINCIA

Menu ricerche

 

 

 

 


LE PAROLE PIU' CERCATE OGGI SU GOOGLE :

 Scarpe, calzature, tacchificio

Calzature da UOMO , da DONNA , da BAMBINI

Concessionari auto Ancona ,

automobili usate Marche

 

 

 
 

  Nuova pagina 1

ULTIME AZIENDE INSERITE SETTORE PRODUZIONE

Brancorsini

Labirinto Cooperativa Sociale

Lucarini e Partners

Elisabet srl

AT METALLI SRL

A TLC SRL

Bikers sas di Frontoni

EVENTIQUE Silvia Carducci

B.L. COSTRUZIONI Srl

ATHENA NIKE

  Nuova pagina 1

  Nuova pagina 1

  Nuova pagina 1

La Cantina del Mese

La cantina selezionata nel mese corrente e' Fattoria "Villa Ligi" di F.Tonelli .

Nella provincia di Pesaro Urbino e precisamente a Pergola in Via Zoccolanti 25/A, questa azienda conta importanti riconoscimenti a livello nazionale. La filosofia dell'azienda e'  "Crediamo profondamente nelle virtù di un vino, capace di raccontare con estrema sincerità le caratteristiche di un territorio. Vino è sinonimo di arte; arte come mezzo di comunicazione di tipicità e tradizione capace di far sognare e suscitare ricordi.

Questi valori ci accompagnano da tanto tempo, di generazione in generazione, in questo antico mestiere che per caratteristiche intrinseche non abbandoneremo mai. La nostra attività vitivinicola, oramai quasi centenaria, è contraddistinta da un attaccamento inscindibile alla tradizione ed in tempi ultimi all’innovazione, necessaria per ottenere il massimo, ricercando il perfetto equilibrio tra gusto e colore, tra bouquet e retrogusto.

La nostra realtà agricola percorre costantemente e ciclicamente ogni anno gli stessi eventi che puntualmente ci coinvolgono sensibilizzandoci ogni giorno di più verso il prodotto finale, il nostro vino, attraverso la passione per il territorio, la natura, le persone che ci accompagnano. E’ un processo che non richiede tempi lunghi né brevi, ma tempi naturali, quelli necessari per ottenere un lavoro ben fatto.

E’ con tale dedizione e passione che ci rivolgiamo a quanti condividono il nostro pensiero, il nostro vino, per condividere attimi unici ricavati da piccoli gesti come quello di sorseggiarlo in un calice."

- ..... LEGGI TUTTO

 

 

  menu generale | etc | ect

NavBar

Tutti i loghi e marchi della categoria sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori

HOMEAZIENDE  a Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoHOTEL  a  Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoRISTORANTI  a  Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoAGRITURISMI a Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro Urbino | PROFESSIONISTI  |  VINI e CANTINE | AGRITURISMI | CONCESSIONARIE AUTO A ANCONA | CONCESSIONARIE AUTO A ASCOLI PICENO | CONCESSIONARIE AUTO A FERMO | CONCESSIONARIE AUTO A MACERATA | CONCESSIONARIE AUTO A PESARO URBINOEVENTI | SCRIVI A PORTALE MARCHE