Oggi è il: 25/01/2021 - Sono le ore: 08:50:32 

  IN EVIDENZA

MENU PORTALE Menu ricerche

 

 

Le altre news - sezioni Eventi e Gastronomia

Pasquale De Antonis ai Musei Civici di Palazzo Mosca di Pesaro

 

Aperitif sur l'herbe a Urbino

 

Con il tempo: opere dagli Sessanta al Duemila presso la Sala del Capitano di Candelara

 

Enrico Rava apre la XIX edizione del Premio Internazionale Massimo Urbani

 

A Castelraimondo ventitreesima edizione dell'Infiorata Corpus Domini

 

CandelarArte caffe' 2015

 

A Pesaro Buongiorno Ceramica

 

A Treia si adottano i combattenti della Grande Guerra

 

Moni Ovadia, Michele Placido ed Erri de Luca e Nicky Nicolai a Recanati

 

A Jesi Bellezza - Mostra fotografica di Roberto Recanatesi

 

Luca Cognolato alle foglie d'oro di Pesaro per Adotta l'autore

 

Le nostre mani: il dialogo con la materia di Giancarlo Cesarini al castello di Candelara

 

Gherardo Cibo, dilettante di botanica e pittore di paesi ed altri appuntamenti a Pesaro

 

Percorso tra le pagine dei libri con Luigi Dal Cin

 

giornata internazionale Unesco del jazz a San Benedetto del Tronto

 

La linea gotica - 1944 - 2014 i ricordi di un bimbo di 12 anni di Terenzio Pedini

 

Letture a Palazzo Mosca, secondo appuntamento

 

Chiara Samugheo in mostra a Recanati

 

Paolo Gubinelli alla Palazzina Azzurra con Carte incise per Eugenio De Signoribus

 

Europe Direct Marche

 

 

I NUMERI DI PORTALEMARCHE

IL PORTALE DELLE AZIENDE DELLE MARCHE

Aziende

Professionisti

Ristorazione

Hotel Vini&Cantine

  Nuova pagina 1

2684

  OGGI SONO PRESENTI IN ARCHIVIO

2239

  Nuova pagina 1

1376

  Nuova pagina 1

781

cantine

89

diVerso-in-Verso-Antologia-Poetica-2010-di-Carina-Spurio

diVerso in Verso di Caina SpurioI Poeti vivono per sciogliere i silenzi delle attese in attesa di niente. S’aggirano di notte tra le macerie del plesso solare e percorsi senza bussola.
Sobbalzano davanti ai tronchi spezzati dal dolore, slogandosi caviglie immaginarie. Scendere dentro sé raramente è dolce.

Tra polveri antiche e cimiteri personali, capita di incrociare una coda di cometa che ispira una sillaba che illumina tutti i nostri ieri come una nuova alba da vivere.

Tra le poesie fermo il mio tempo nel trasparente nulla al centro di un pomeriggio. In fila, mi aspettano i Poeti. Tremano nella libertà inquieta di un secolo rumoroso. L’angelo ancora li ispira. Poesia sbuca da dietro un sisma, da un dolore appeso alla chiusa che dondola se non gli regali l’ultimo punto. Corre dentro le dita malgrado doloranti cervicali, è nitida, anche dentro le nebbie delle miopie. Sembra andare incontro a qualcosa pur di non morire.

Le pagine (r)accolgono dolori differenziati, amori di plastica, anni di piombo, spirali di lettere come i vortici del destino. Il tempo all’interno delle liriche, s’attarda nell’idea che in genere si accomoda imbarazzata su un punto indefinito del foglio come su un divano barocco. Sfoglio le pagine.
Sfioro con le dita le verità dei singoli autori, come Penelope sfilava di notte gli intrecci del filo sul quale concentrò la sua attesa durante il giorno. Comprendo che tra il Poeta e il suo modo di vedere le cose rotolano i versi come fossero: “Percorsi d’inchiostro nati da spirali di pensieri che riposano concentrici tra sprazzi di senno stanco e simulazioni del verbo

celato nelle cose quotidiane […]…[…] mentre i sogni eterni gridano.” Al centro del bianco, come una vera protagonista, resta Poesia. Resisto in apnea tra le “Stagioni”, i “Mari e Monti”, le “Tele d’amore”, “Gli occhi del miura” e i “Sussulti violenti”. Mi fermo sulla “Piazza” e tra “I frantumi del tempo” scorgo ancora “Grappoli di stelle” appesi ad una “Luna mistica” che mi ricorda “Memorie lontane”mentre “Il vento” intreccia “Ordinati silenzi” “Nell’ora più buia” quando “Un angelo ribelle” non protegge il “Cuore di un bambino”, né ”L’Infanzia violata”. Sopravvivere è ciò che rimane tra questi versi liberi che sillaba dopo sillaba incontrano il male di vivere. I nuovi Poeti scrivono nella speranza di rallentare un tempo veloce. Un tempo di codici a barre, scontrini fiscali e di numeri da pagare.

La loro ombra s’allunga e si staglia contro quella di chi nell’ombra di se stesso ci vive. In bilico, senza nessuna speranza, continuano a scrivere, fertili come un campo di grano che nessuno coltiva più, affinché quei versi compressi come grani del rosario, dopo aver fermato il delirio, s’arrampichino come edera sui rami tesi verso la cupola azzurra. Forse guariranno, sospesi tra l’azzurro del cielo e gli eterni enigmi, ma saranno ancora pericolosi dopo una notte insonne, ansiosi di imprimere una nuova ricetta di vita che forse qualcuno leggerà. Il cielo, intanto, si è fatto nero come la pece, privo di istruzioni sul bene e sul male stampate nelle solite stelle. Sulla terra senza luce, Poesia si adatta al presente, ai suoi istanti cruciali e chiude nei metri depressioni epocali, catastrofi naturali, l’impotenza. La nuova Poesia, completamente schiava del senso, resta impigliata nei ricordi, si fissa su un punto e ci resta, a costo di strangolare la Luna per restare memoria. Domani, Il tenero Poeta continuerà il suo canto. Egli è forte, da bravo guerriero sa che "Si sta come /d'autunno/ sugli alberi/ le foglie" da “Soldati” (G. Ungaretti). I combattenti in guerra non stanno forse come le foglie sugli alberi che rischiano di cadere?
Ma cos’è la Poesia per i poeti che hanno contribuito a donare i loro elaborati in versi dai quali è nata la quarta raccolta poetica “diVerso in Verso” 2010? Scopriamolo insieme:


La poesia è l’espressione sintetica e inesauribile di una storia, di una lingua, di una realtà. Tratto essenziale deve essere un’autenticità che sa creare anche uno stile. Alessandro Ramberti (Fara Editore).

Gentilissima poetessa Carina Spurio, è difficile dare una definizione univoca ed esaustiva della poesia, perché la poesia è tutto. Tenterò pertanto di dire qualcosa. La poesia è costituita da tutto quell’universo di sentimenti che agita il nostro cuore: l’amore, l’amicizia, i nostri ricordi, la solidarietà, le nostre ansie, i nostri tremori; ed ancora: il senso della morte, la nostra aspirazione all’immortalità. Con la poesia si può cogliere la vita nella globalità dei suoi aspetti, tragici come umoristici.

Si può essere poeti del mistero (e la realtà è mistero, come insegna Ungaretti). Si può essere poeti del proprio vissuto, ma ci si può proiettare fuori della propria soggettività, nel tempo e nello spazio, ed essere poeti della storia come delle inquietudini che tormentano il mondo contemporaneo. In quest’ultima accezione il poeta, che dice sempre parole di sapienza, è anche fattore della storia: o, meglio, potrebbe esserlo se le sue parole non rimanessero inascoltate e se tutti (non solo gli interessati, ma anche la gente comune) le leggessero e le interiorizzassero. Il poeta diventa quindi il Sapiente, il Vate, è colui che è riuscito ad inerpicarsi su per l’aspro cammino della conoscenza, ne ha salito tutti i gradini, pervenendo alla “visione” completa di quell’incorporeo mondo (si pensi a Platone) in cui sfolgorano sovrane le idee del Bello, del Bene … del Sublime. Per essere un po’ più “terrestri”, tutti avvertono in se stessi sensazioni, sentimenti, ecc: riesce però a fare poesia colui che ha il dono della parola, e se questa funziona a mo’ d’un a-priori kantiano a plasmare e a dare valore artistico a tutto un mondo di pensieri e d’emozioni. Una parola che è metafora, ma anche (e perché no?) ritmo, suono, rima, ecc., che s’innestano in un tutt’uno nell’intimo sentire del poeta. Come insegna Dalmazio Masini, un poeta fiorentino che ha fondato una scuola poetica, il “Dolce Stile Eterno”: una scuola che vede di anno in anno aumentare i propri adepti e che ha l’obiettivo di riscoprire, anche con l’invenzione di formati poetici nuovi ed evitando le espressioni desuete del passato, la metrica classica, che ha prodotto, nel corso dei secoli, capolavori immortali. (Vittorio Verducci), Notaresco (Teramo).


La poesia è multiforme e sfugge a qualunque classificazione, così come non è racchiudibile in poche battute il mondo intero che ogni poesia esprime poiché essa coinvolge ogni fibra del nostro essere, ogni palpito del nostro cuore, ogni angolo della nostra mente facendoci attraversare le infinite variazioni di colori, di suoni e di luci che, come le tessere di un mosaico o come le note di una sinfonia, compongono ed scompongono la tela della nostra umanità. Per questi motivi, nel risvolto del mio libro “Cieli disfatti e vecchi merletti”, ho scritto “la poesia è vita. Questa affermazione, come nessun’altra, riesce a cogliere l’essenza e la suggestione della poesia, forma espressiva capace di dare conforto per il presente e speranza per il futuro”. Grazie ancora e ancora tanti auguri per il miglior successo delle tue lodevoli iniziative. (Francesco Camerino).

 

La poesia è il cassetto privato in cui nascondo ricordi e pensieri, emozioni e paranoie, euforie e sensi di inadeguatezza: è un’altra me. Scrivo quando le ingiustizie sociali mi graffiano la pelle, scrivo quando le emozioni sono troppo forti per essere sentite tutte insieme... Scrivo. Prendo il primo foglio che trovo e -di getto- riverso su di lui tutto quello che ho dentro. Metto ordine fra gli umori e mi ritrovo. Come un’abile massaia, impasto parole in versi, aggiungo metafore e lascio riposare “il composto” per qualche istante. Poi rileggo le frasi e ritrovo il sorriso. Sempre. (Chiara Scarlato), Pescara.

Per me la poesia è una forma d'arte che aiuta, a volte, a decifrare il mondo meraviglioso e terribile che ci circonda. E' una chiave di lettura per acquisire qualche nuova consapevolezza, ed è qualcosa di intimamente legato al rapporto io-mondo. Non credo, quindi, che nella ricerca di tali consapevolezze possa trovar spazio una certa "voglia di mostrarsi", purtroppo da sempre e per sempre in voga. (Francesco Sicilia), Salerno.

Poesia è il pensiero intimo di un particolare evento di vita che colpisce profondamente l’anima, la parte più nobile della persona, essendo espressione pura del pensiero. Essa vuol esternare al lettore, che entra pienamente nel contenuto poetico, la possibilità di acquisire un pensiero saturo di sentimenti solenni. L’acquisizione piena, ovvero l’acme del contenuto poetico, che esprime una serie di valori fondati sulla realtà o sulla creatività fantastica, fra lettore e scrittore, coincide perfettamente quando lo stato d’animo di chi legge è in sintonia con quello dell’autore. (Tonino Di Natale), Teramo.

Quando scrivo una poesia mi piace pensare che essa sia una forma di comunicazione diretta tra me stessa ed il mondo che mi circonda; adoro dare spazio all'antica idea di "poiesis" (possa essere perdonato il mancato utilizzo dell'alfabeto greco non presente in questo programma), ossia di "creare" perché la poesia è un modo particolare di "comporre, fare" ed in particolare di fare delle proprie emozioni una forma di dialogo tra noi stessi e quanto ogni mattina ci dà il "buongiorno", ossia , la realtà in cui viviamo. Attraverso la poesia possiamo anche manifestare agli altri le nostre emozioni , le nostre sensazioni, e quelle immagini che tutti i giorni sfogliamo nel book fotografico presente nella nostra mente e che rimarrebbe soltanto per noi se non invitassimo gli altri a fare parte di questo piccolissimo "tour"; non avrebbe senso tenere nascoste quelle "entità" presenti in noi e di cui siamo fieri. E' un pò come un figlio : anche un figlio è di nostra creazione, anche di un figlio siamo fieri, anche per un figlio proviamo emozioni vere … anche un figlio è un legame diretto che manteniamo con la realtà. (Alessandra Renzetti), Spoltore, Pescara.

Sono convinto che la poesia sia un pezzo di carne che si alza dal corpo per strappare la volta del cielo ed intravedere il caos. (Emilio De Grazia)

 

Inserito il 17/01/2011 nella categoria Libri

 

Tag : carina spurio  diverso in verso  antologia


Notizia letta 442867 volte

Leggi le altre news della categoria Libri

 

Invia la info ad un amico

 


Tutte le news Home Page  

 

B&B Oasi Verde Teramo 328/7571555

CERCA PER PROVINCIA

Menu ricerche

 

 

 

 


LE PAROLE PIU' CERCATE OGGI SU GOOGLE :

 Scarpe, calzature, tacchificio

Calzature da UOMO , da DONNA , da BAMBINI

Concessionari auto Ancona ,

automobili usate Marche

 

 

 
 

  Nuova pagina 1

ULTIME AZIENDE INSERITE SETTORE PRODUZIONE

Brancorsini

Labirinto Cooperativa Sociale

Lucarini e Partners

Elisabet srl

AT METALLI SRL

A TLC SRL

Bikers sas di Frontoni

EVENTIQUE Silvia Carducci

B.L. COSTRUZIONI Srl

ATHENA NIKE

  Nuova pagina 1

  Nuova pagina 1

  Nuova pagina 1

La Cantina del Mese

La cantina selezionata nel mese corrente e' Fattoria "Villa Ligi" di F.Tonelli .

Nella provincia di Pesaro Urbino e precisamente a Pergola in Via Zoccolanti 25/A, questa azienda conta importanti riconoscimenti a livello nazionale. La filosofia dell'azienda e'  "Crediamo profondamente nelle virtù di un vino, capace di raccontare con estrema sincerità le caratteristiche di un territorio. Vino è sinonimo di arte; arte come mezzo di comunicazione di tipicità e tradizione capace di far sognare e suscitare ricordi.

Questi valori ci accompagnano da tanto tempo, di generazione in generazione, in questo antico mestiere che per caratteristiche intrinseche non abbandoneremo mai. La nostra attività vitivinicola, oramai quasi centenaria, è contraddistinta da un attaccamento inscindibile alla tradizione ed in tempi ultimi all’innovazione, necessaria per ottenere il massimo, ricercando il perfetto equilibrio tra gusto e colore, tra bouquet e retrogusto.

La nostra realtà agricola percorre costantemente e ciclicamente ogni anno gli stessi eventi che puntualmente ci coinvolgono sensibilizzandoci ogni giorno di più verso il prodotto finale, il nostro vino, attraverso la passione per il territorio, la natura, le persone che ci accompagnano. E’ un processo che non richiede tempi lunghi né brevi, ma tempi naturali, quelli necessari per ottenere un lavoro ben fatto.

E’ con tale dedizione e passione che ci rivolgiamo a quanti condividono il nostro pensiero, il nostro vino, per condividere attimi unici ricavati da piccoli gesti come quello di sorseggiarlo in un calice."

- ..... LEGGI TUTTO

 

 

  menu generale | etc | ect

NavBar

Tutti i loghi e marchi della categoria sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori

HOMEAZIENDE  a Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoHOTEL  a  Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoRISTORANTI  a  Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro UrbinoAGRITURISMI a Ancona - Ascoli Piceno - Fermo - Macerata - Pesaro Urbino | PROFESSIONISTI  |  VINI e CANTINE | AGRITURISMI | CONCESSIONARIE AUTO A ANCONA | CONCESSIONARIE AUTO A ASCOLI PICENO | CONCESSIONARIE AUTO A FERMO | CONCESSIONARIE AUTO A MACERATA | CONCESSIONARIE AUTO A PESARO URBINOEVENTI | SCRIVI A PORTALE MARCHE